Blogger e influencer: perché in Cina sono così importanti nelle strategie marketing

Il marketing dei luxury brand in Cina
16 febbraio 2017
A Tipicità 2017 si parla di come promuovere in Cina le eccellenze delle Marche
27 febbraio 2017
Show all

Blogger e influencer: perché in Cina sono così importanti nelle strategie marketing

Perchè influencers e bloggers sono fondamentali nelle strategie marketing?

Strategici per le aziende fashion che vogliono raggiungere i consumatori cinesi, influencers e blogger sono diventati veri e propri media, efficaci e dinamici, nel mondo fashion in Cina.

Per quanto riferito qui al mondo moda, il discorso di seguito è valido per molti altri settori di eccellenza del Made in Italy come food, vino e liquori, design e cosmetica.

Partiamo a dire che la società cinese ha una cultura dove il valore della gerarchia è molto importante, inoltre altro valore fondamentale è il collettivismo che porta ad una maggiore propensione alla condivisione e al confronto con il gruppo o, se vogliamo usare un concetto traslato sul web, alla community.

Con questa premessa culturale risulta naturale che i cosiddetti influencer, Key Opinion Leader e blogger godono di un seguito ed un autorevolezza maggiore che da noi. Più seguiti e più influenti.

Parte della collezione Ermenegildo Zegna presentata durante la Winter 2017 Fashion Show.

QUANTO SONO INFLUENTI …GLI INFLUENCERS?

Quanto siano importanti gli influencer lo evidenza anche uno degli ultimi studi condotti da McKinsey & Company, confermano che i consumatori cinesi durante la scelta di acquisto trovano 3 dei 5 principali punti di contatto con le aziende proprio nel mondo digital: sito web, social network e, appunto, influencers.

Abituati a doversi muovere in un mercato dove i prodotti contraffatti sono all’ordine del giorno, i cinesi sono molto attenti e prima di finalizzare gli acquisti sono soliti verificare informazioni e prodotti su diversi canali e fonti di informazione. L’acquisto della fiducia è fondamentale e gli influencer facilitano di molto il percorso.

Cercare i giusti influencers locali ha un ritorno di immagine, e quindi di business, molto concreto. Seguiti, visti come punti di riferimento per nicchie di mercato più o meno grandi, possono influenzare fortemente l’impatto di un prodotto e di un Brand su un mercato complesso e sfaccettato. Spesso l’utilizzo di un Key Opinion Leader locale può portare molti più risultati che grandi budget adv dispersi su un mercato troppo grande. Il messaggio arriva più diretto più al cuore del target.

Du Yang, ex Miss China 2014 e seguita top model sui social cinesi, ospite di East Media durante la Fashion Week 2016

 

LE TESTIMONIANZE DI DU YANG E ANDERSON JW

Lo sanno bene –  per esempio –  la stilista Alberta Ferretti e Dolce & Gabbana che hanno invitato durante la Milano Fashion Week 2016Du Yang, ex Miss China 2014 e seguitissima top model sui social cinesi. Ospite di East Media qui potete leggere il suo punto di vista interessante su Italia, Fashion e Business.

Altro caso è Ermenegildo Zegna che in occasione della Winter 2017 Fashion Show ha invitato diversi KOL, influencer (artisti, attori) e fashion blogger, tra cui per esempio  Anderson JW.

Con base a Pechino, Anderson JW è un editore del 21st Century Business Herarld. Dopo aver lanciato il suo blog nel 2008 e creato un account Weibo già nel 2010, la sua notorietà è man mano cresciuta: oggi ha oltre 440.000 follower su Weibo, 150.000 su WeChat e scrive rubriche per diverse pubblicazioni cinesi di moda, incluse Fashion Trend Digest, Madame Figaro e Men’s Uno. Inoltre Anderson ha instaurato un rapporto di collaborazione con alcune delle più importanti aziende come Chanel, Gucci, Louis Vuitton, Hugo Boss e Giorgio Armani.

Due fashion blogger molto seguiti in Cina. A sinistra, Anderson JW, a destra Mr. Bag

Intervistato da Gloria Gao, China Digital Strategist di East Media, Anderson ci ha raccontato che le aziende del mondo fashion in Cina hanno dei “vantaggi diretti a investire nei fashion blogger perché loro conoscono molto bene quali sono le logiche dei nuovi media, scrivono bene e sanno in cosa sono davvero interessati i lettori”.

In particolare Anderson si presenta come e vero proprio blogger: “io non posto mai delle mie foto, non sono interessato a diventare una celebrità. Io preferisco presentare alcuni oggetti fashion ai miei fan. Adoro anche comprare i prodotti. Per questa ragione tutte le cose di cui scrivo hanno qualcosa in comune con me”.

Particolarmente importante è scegliere l’influencer, blogger o KOL in base al messaggio che si vuole veicolare e ai valori del proprio Brand che dovranno essere rappresentati. Un discorso valido anche per le piattaforme social locali come Weibo e WeChat attraverso le quali condividere e rendere virali i contenuti condivisi con gli influencer.

Se si traccia il ROI dei principali Key Opinion Leader, influencer oppure blogger si scopre che in Cina il comportamento dei consumatori e i trend relativi alle vendite sono impressionanti. E i KOL, grazie al mondo digital, offrono alle aziende tutti gli strumenti per verificare le loro performance: visualizzazioni, “like”, commenti e condivisione dei contenuti.

>>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Cina? 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. 

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. LA CINA E’ VICINA… –>  info@east-media.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>