In questa mini guida spiegheremo i concetti fondamentali per affrontare Baidu se si è un’azienda italiana che ha obiettivi B2B e ci si vuole rendere visibili nel mercato cinese.

Baidu è il principale motore di ricerca in Cina, è per questo un canale molto potente per il marketing B2B.

Nel 2016 Baidu rappresentava oltre l’80% del mercato dei motori di ricerca in Cina, contro il 9,2% di Google e il 4% di Sogou. (Aggiornamento luglio 2017: Google è sceso sotto il 3%)

guida baidu b2b

 

Per qualsiasi azienda B2B con un sito web cinese l’ottimizzazione per Baidu è fondamentale.

Bisogna considerare che Baidu è un motore di ricerca relativamente recente dunque la documentazione relativa alle linee guida per la SEO è piuttosto scarsa.

Ciò che rende unica l’ottimizzazione per Baidu è che è simile a quella di Google per il 2009, ma con regole diverse dovute all’utilizzo specifico del web in Cina.

L’ottimizzazione per Baidu implica la creazione di grandi quantità di contenuti ad alta qualità, l’osservanza dei requisiti SEO specifici, un grande numero di link e la conformità alle leggi cinesi.

Tutte le tattiche presenti in questo articolo sono destinate a chi vuole fare marketing B2B, tuttavia molti concetti si possono applicare chiaramente anche al B2C.

 

Requisiti per i contenuti da inserire nel proprio sito

 

  • Mai duplicare i contenuti: Baidu penalizza i contenuti duplicati più di ogni altro motore di ricerca. Ogni contenuto presente sul sito deve essere unico. È bene anche controllare altri siti che copino i nostri contenuti chiedendogli sistematicamente di rimuovere il contenuto copiato. Quando si sviluppa il sito, bisogna fare molta attenzione ai contenuti duplicati oltre che a tutte le classiche problematiche del settore.

 

  • Utilizzo del linguaggio: Tutti i contenuti e i metatag devono essere scritti in caratteri cinesi semplificati. Baidu preferisce i caratteri semplificati a quelli cinesi tradizionali (usati a Taiwan e Hong Kong) e non gradisce i caratteri romanizzati. Baidu è per la Cina.

 

  • Definizioni dei contenuti: Nella lingua cinese sono presenti diversi dialetti e ogni parola può avere significati multipli. Una sola parola può avere fino a 7 significati. Tutte le parole presenti nei contenuti devono essere verificate con attenzione per assicurarsi che si stia utilizzando la parola più adeguata. Dal punto di vista di un esperto di marketing, ciò significa che bisogna assumere un ottimo traduttore madrelingua cinese che abbia grandi competenze linguistiche e un’ottima conoscenza dei diversi dialetti cinesi.

 

  • Quantità dei contenuti: Baidu si affida molto alla qualità dei contenuti per l’indicizzazione. Ogni pagina del sito che vuoi indicizzare deve contare almeno 300 parole di contenuti unici.

 

  • Tag del titolo: I tag del titolo devono essere scritti nello stesso modo in cui vengono scritti per Google, ma con un diverso limite di caratteri. Con i caratteri romanizzati il limite è pari a 70 caratteri. I caratteri cinesi semplificati sono pari a 2 caratteri, perciò il limite sarà di 35 caratteri. Quando si crea il tag è meglio utilizzare una frase ricca di keyword che descriva il contenuto della pagina, seguita da un termine brandizzato.

 

  • Meta Descrizioni: A differenza di Google e Bing, Baidu utilizza ancora le meta descrizioni come fattore di indicizzazione. Assicurati che il limite per ogni meta descrizione con caratteri romanizzati sia di 156, così il limite per i caratteri cinesi semplificati sarà di 78.

 

  • Tag Meta Keyword: le meta keyword sono state sorpassate per molti motori di ricerca, ma Baidu le utilizza ancora come fattore di indicizzazione. Devono essere implementate per ogni pagina del sito e devono includere dalle 3 alle 5 frasi per keyword. Evita di esagerare con le keywords.

 

  • ALT Attribute per le immagini: L’algoritmo di Baidu per le immagini resta ancora molto elementare. L’ALT attribute è ancora il più importante fattore di indicizzazione per le immagini, perciò assicurati di utilizzarlo per ogni immagine.

 

  • Tag dei titoli: L’utilizzo dei titoli per Baidu non è diverso da quello degli altri motori di ricerca. Assicurati che ogni pagina abbia un tag h1 che appaia prima di qualsiasi altro titolo. E assicurati che ogni titolo segua una gerarchia. Ricorda di incorporare le keyword nei titoli, ma senza esagerare.

 

  • Blog: I blog aziendali sono un elemento importante per un sito. I blog non solo permettono link interni ma mostrano anche a Baidu che il sito è ricco di contenuti e aggiornato con frequenza. Baidu offre anche un news feed per i blog, che può aiutare a generare altro traffico organico.

 

Requisiti tecnici per la SEO su Baidu

 

  • Velocità del sito: La velocità del sito è uno dei maggiori fattori di indicizzazione per Baidu. Una grande percentuale di siti ha una lentezza tale che di fatto sono inutilizzati dal pubblico cinese. Un sito che carichi lentamente viene poi penalizzato per l’indicizzazione. Importante dunque utilizzare un server cinese o su Hong Kong. 

CLICCA PER IL TUO TEST GRATUITO SULLA VELOCITA’ APERTURA DEL TUO SITO IN CINA 

Velocità Sito Cina

  • Robots.txt: Baidu non ama i siti con file robots.txt. Se ve ne sono, meglio rimuoverli. Tutti i processi normalmente contenuti in un file robots.txt devono essere impostati in un file .htaccess o sulle impostazioni del server IIS.

 

  • Sottodomini e domini multipli: Baidu non ama i siti che utilizzano sottodomini e domini multipli. Bisogna utilizzare solo un dominio per sito. Le versioni in altre lingue del sito dovrebbero essere realizzate su un dominio completamente diverso e non devono essere collegate al sito cinese. I sottodomini non dovrebbero essere utilizzati affatto.

 

  • iFrames: Non utilizzare iFrames per contenuti importanti. Baidu non riconosce gli elementi di una pagina all’interno di un iFrame.

 

  • JavaScript e Flash: Baidu non gestisce al meglio i contenuti veicolati tramite JS e Flash. Se devi impostare la navigazione o altri importanti elementi in JavaScript, assicurati di fornire una valida alternativa HTML da qualche parte sulla pagina.

 

Requisiti per i link

 

  • Navigazione: Come abbiamo già avuto modo di dire, Baidu ha difficoltà con i contenuti JavaScript. Per questo motivo è preferibile avere un menù drop-down per la navigazione principale. Una soluzione potrebbe essere un footer con link testuali per ogni pagina importante del sito. Assicurati che ogni pagina abbia un link testuale per semplificare l’indicizzazione di Baidu.

 

  • Anchor Text: Baidu dà ancora molto peso all’utilizzo delle keywords nell’anchor text. Tutti i link della struttura interna devono contenere anchor text ottimizzato per keywords. Se si creano link per siti esterni, bisogna ottimizzare l’anchor text il più spesso possibile.

 

  • Link Building:  Una delle aree per le quali Baidu non ha sviluppato il proprio algoritmo è il link building inbound. In generale si preoccupa più della quantità che della qualità dei link. I link di qualità inferiore sono ancora ben accetti. Tuttavia è bene tener presente che ciò che funziona oggi potrebbe non essere più valido domani (e potrebbe non funzionare con 360 o Sogou). Per evitare ogni rischio è sempre meglio realizzare link di qualità. La cura dei contenuti è una tattica sicura per realizzare una buona quantità di link. Tutte le attività di realizzazione dei link devono essere ottimizzate per siti web con dominio .cn che utilizzino caratteri cinesi semplificati.

 

Requisiti legali cinesi

 

  • Indirizzo fisico: È bene includere nel proprio sito un indirizzo fisico legittimo cinese, per indicare che il sito ha sede in Cina.

 

  • Tipologia di dominio: Baidu preferisce i seguenti domini: .cn, .com e .net. I siti con dominio .cn sono solitamente preferiti agli altri.

 

 

  • Licenza per la pubblicazione di contenuti per internet: In Cina è necessaria una licenza speciale rilasciata dal governo per avere qualche chance di indicizzare al meglio su Baidu. Ottenere questa licenza ICP attraverso il Ministero dell’Industra e della Tecnologia Informatica Cinese migliorerà di molto l’indicizzazione per le ricerche organiche.

 

  • Censura: Il governo cinese controlla i contenuti internet, inclusa la maggior parte dei servizi Google e i principali social network. Se un contenuto presenta termini indicati nella lista nera del governo cinese, Baidu de-indicizzerà la pagina o l’intero sito. Tutto ciò che è presente su questa lista nera non deve essere presente sul sito (comprese variazioni dei termini indicati). Se il tuo sito permette contenuti generati dagli utenti, assicurati di avere un sistema per bloccare i contenuti che presentino queste parole. Per andare in Cina bisogna seguire le regole locali.

 

Tool per Baidu

  • Submit Website: Poiché Baidu non dispone di tool per webmaster o un’opzione di sitemap submission, il sito deve essere aggiornato ogni volta che si applicano modifiche sostanziali. Ecco il sito del submission tool per Baidu.

 

  • Ricerca delle keyword: Ottimizzando per Baidu, la ricerca delle keyword deve essere impostata per Baidu stesso. I cinesi hanno abitudini di ricerca diverse rispetto agli altri paesi.

 

 

>>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Cina? 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. 

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. LA CINA E’ VICINA… –>  info@east-media.net

Comments are closed.

//]]>