East Media: stretta una partnership strategica con Yandex

East Media e Yandex, il principale motore di ricerca russo, hanno stretto un accordo per rafforzare le strategie di digital marketing. Una partnership strategica che permetterà a East Media di offrire un servizio ancora più accurato a tutte le aziende italiane che vogliono promuoversi in Russia.

Con oltre 103 milioni di persone che accedono regolarmente a internet, la Russia è il paese in Europa con il più alto numero di utenti digitali. Qui, però, vengono utilizzate piattaforme digitali diverse da quelle più popolari in Italia. A cominciare dai motori di ricerca, dato che Yandex prende il posto del più noto Google e rappresenta un ecosistema all’interno del web russo.

(–> SCARICA QUI GRATIS LA GUIDA EAST MEDIA SUL DIGITAL RUSSO)

Come riporta l’agenzia TNS, Yandex è leader di mercato con 12,3 milioni di utenti giornalieri. E’ seguito dal social network VKontakte con 12,1 milioni e “solo” terzo è Google con 11 milioni di utenti. Un dato, quest’ultimo, favorito dalla diffusione dei dispositivi mobile con sistema operativo Android.

A decretare il successo di Yandex in patria, dove è stato lanciato nel “lontano” 1990 (Google in lingua russa è arrivato solo nel 2001) sono le sue funzionalità: nella homepage, oltre al campo per eseguire ricerche, contiene sezioni dedicate alle news, meteo e finanza (cambio valuta e quotazioni borse). Tanto da essere utilizzato anche fuori dalla Russia, specialmente in Bielorussia, Ucraina e Kazakistan.

Yandex è uno strumento fondamentale, sul quale le aziende interessate al mercato russo devono necessariamente investire per farsi trovare nelle prime posizioni della serp oppure con campagne di pubblicità pay per click.

Ma oltre ad essere un motore di ricerca, Yandex è un internet company che offre da soluzioni ecommerce (Yandex Market è il primo marketplace in Russia) a quelle di pagamento (Yandex Money) ad una sorta di Uber russo (Yandex Taxi), al cloud, al sistema di analitiche integrate (Yandex Metrica), alle mappe (Yandex Map). In sostanza un ecosistema, fondamentale da utilizzare se si vuole fare business in maniera seria con la Russia.

 

Alcuni ambienti interni della sede di Yandex a Mosca.

Digital in Russia: Yandex e molto altro

Come anticipato, in Russia vengono utilizzate piattaforme differenti dalle nostre. Se Yandex prende il posto di Google, gli utenti russi preferiscono social network locali come VKontakte e Odnoklassniki. Giusto per citare un esempio, Facebook in Italia viene utilizzato quotidianamente da 28 milioni di persone. In Russia il numero si ferma a soli 11 milioni. Meno della metà. Significa che con oltre 103 milioni di persone che accedono regolarmente al web, in Russia solo un utente su dieci utilizza Facebook.

Oltre a essere differente, il mondo digital in Russia è anche in forte crescita. La conferma arriva dai dati riguardanti l’e-commerce. Nel 2016 il volume complessivo è cresciuto del 20% raggiungendo i 14,9 miliardi di euro. Un trend positivo che segue l’andamento del 2015, quando si è assistito a una crescita del 16%, per un totale di 10 miliardi di euro, e un acquisto medio online pari a 60 euro.

Visitatori all’edizione 2017 di Collection Premiere Moscow, il principale salone della moda russo che ha registrato 22.600 visitatori, il 13% in più rispetto ai 19.950 della scorsa edizione.

Tempo di investire in Russia

Se Yandex è lo strumento essenziale per raggiungere potenziali clienti russi, questo è sicuramente il momento più adatto per farlo e tornare a investire in Russia. Per il 2017 si prevede una crescita del Pil russo dell’1,5% e già dall’anno scorso si è registrata una crescita della domanda di prodotti Made in Italy. I numeri record del 2013, con 11 miliardi di esportazioni in Russia sono ancora lontani. Ma ci sono segnali più che positivi.

Nei primi otto mesi del 2016 si è registrata una crescita del 15,6% delle importazioni in Russia dal Bel Paese. E i settori trainanti sono quelli delle eccellenze italiane: moda e design nella fascia alta del mercato. L’anno scorso il settore moda ha inciso per oltre il 15% sul totale delle esportazioni italiane in Russia. Il settore arredo e design per il 4,1%. I margini di crescita sono ancora ampi e le opportunità per le aziende italiane molte.

Un incoraggiante segnale di ripresa arriva anche dal turismo. L’Italia è da sempre una delle mete preferite dai russi. A fine 2016 si è registrata una crescita degli acquisti tax free del 9% con uno scontrino medio di 755 euro. E sempre l’anno scorso i turisti russi sono tornati a spendere in due mete di eccellenza come Venezia (+9%) e Milano (+2%).

>>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in RUSSIA? 

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. 

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. LA RUSSIA E’ VICINA….–>  info@east-media.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>