In un mondo che vive la trasformazione digitale, le aziende devono entrare nell’ottica che da qualche anno a questa parte una fetta della popolazione è nativa digitale. La generazione in questione viene comunemente definita Generazione Z e identifica le persone nate dalla seconda metà degli anni 90.

Sebbene “Generazione Z” sia un termine globale, non si può certo dire che questo segmento abbia le stesse caratteristiche in ogni Paese. Soprattutto in Cina rappresenta un target strategico per le aziende che mirano ad internazionalizzarsi.

Nell’articolo parleremo proprio di questo e di come approcciare al meglio la Generazione Z in Cina.

 

Generazione Z con caratteristiche cinesi

Per i ragazzi cinesi della Generazione Z, la parola d’ordine è “Digital first”. Sono nativi digitali che utilizzano il telefono per fare quasi ogni cosa, soprattutto in Cina.

I Gen Z sono figli unici della “one-child policy”, a cui spetta il generoso supporto finanziario dei genitori. Essendo poi cresciuti in un periodo positivo per la Cina hanno anche fiducia nel futuro. Sono piuttosto ottimisti e per questo risparmiano meno rispetto alla controparte occidentale, conseguentemente spendono di più.

Ricercano la qualità, sono particolarmente consapevoli e altamente informati. Infatti, da un lato la Generazione Z in Cina ha più a cuore le tematiche di responsabilità sociale, rispetto alle generazioni precedenti. In tema di diritti umani, ma anche di sensibilità ambientale. Dall’altro lato, tende a spostarsi verso l’acquisto e il consumo di prodotti di cui ne può percepire la qualità. Vuole poter dimostrare la propria unicità in gruppo. Per questo anche le “Limited Edition” hanno molto appeal in questo contesto.

generazione z

Mini Program di Kering che indica il costo dell’impatto ambientale dei prodotti fashion

La Generazione Z cinese inoltre, rispetto ai millennial, preferisce di gran lunga l’esperienza legata al prodotto o al servizio che non il prodotto in sé. È per questo che molte aziende del lusso hanno imparato ad approcciare questa generazione attraverso il “lusso esperienziale”. Consiste nel creare un vero e proprio storytelling fisico per il consumatore che possa permettergli di credere al Brand. La ragione principale è che ormai il panorama è sovraffollato ed è rinomato il rischio intrinseco della contraffazione.

 

Mobile addicted

Dato per assodato che la Generazione Z sia nativa digitale, la conseguenza che ne deriva è che questa generazione sia “digital savvy”. È molto skillata in termini di tecnologia e, soprattutto in un Paese come la Cina, ci si deve aspettare che sia molto dipendente dal telefono cellulare. Anche considerato che la Cina è il mercato digitale più vasto al mondo.

Ricordiamo che il 57% della popolazione cinese si connette e naviga in Internet ogni giorno. Tra questi 800 milioni di Internet user, 765 milioni si connettono tramite mobile – in percentuale si parla del 95.4%.

Per questa ragione i Brand che vogliono approcciare il mercato cinese, e soprattutto la Generazione Z in Cina, è bene che pensino a soluzioni ad hoc per il mobile. Ciò significa ad esempio un web design responsive per la landing page del sito web.

generazione z

Sito web cinese di Dior su desktop e su mobile

 

Ma non solo, significa anche che le aziende devono prendere in considerazione di essere presenti sulle app più in voga nel mercato del Paese del Dragone.

 

Social-commerce in Cina

Come abbiamo ribadito, chi appartiene alla Generazione Z tende ad essere mobile addicted. In particolare, tra le attività più classiche che riguardano lo scenario del mobile ci sono quelle sui social media.

Ci sono diverse piattaforme digitali, più o meno famose, specifiche per settori o generiche. Ma ciò che è degno di nota è la trasformazione che la Consumer Journey subisce nel mercato digitale della Generazione Z in Cina.

Infatti, l’utente-consumatore cinese si trova immerso in un mercato saturo di informazioni e prodotti che fatica a riconoscere come veri ed originali. Per questo motivo, e anche perché per cultura il cinese tende a dare importanza al parere del gruppo, l’attività sui social media diventa cruciale nelle prime fasi del processo d’acquisto.

 

Guanxi: la formula segreta delle relazioni con la Cina

 

Sui social media l’utente della Generazione Z in Cina può farsi venire delle idee di acquisto grazie a foto e video pubblicati da altri utenti o da Key Opinion Leader di fiducia. Può leggere i commenti e le review di chi il prodotto l’ha già acquistato. Può consultare direttamente l’account ufficiale del Brand a cui è interessato.

Dopodiché procede all’acquisto, reso ancora più facile dal momento che alcune piattaforme permettono di farlo in-app.

Per questo motivo la Generazione Z in Cina non parla di e-commerce tradizionale ma di “social-commerce”. Ad indicare un diverso approccio all’acquisto.

 

Little Red Book

Una delle applicazioni che meglio incarna il modello di social commerce è quella che in cinese viene chiamata Xiao Hong Shu (小红书) ed internazionalmente nota come “Little Red Book” o semplicemente “Red”.

In breve, Red è tra le preferite dalla Generazione Z in Cina, per essere la risposta alle loro esigenze. L’applicazione è nata nel 2013 come guida allo shopping Oltre Muraglia. In pratica, coloro che avevano la possibilità di viaggiare e acquistare prodotti di marca e qualità all’estero utilizzavano questa applicazione per condividere le loro esperienze rispetto ai prodotti. Ora l’idea che sottende l’applicazione è la stessa, ma il bacino di utenza è più esteso e ai Brand è stata data la possibilità di avere un account ufficiale.

 

Per saperne di più su Xiao Hong Shu e su come alcuni grandi Brand ne stanno traendo vantaggio, leggi l’articolo al link qui sotto.

Xiaohongshu (“Little Red Book”): il nuovo social commerce cinese

 

Douyin

Discorso simile ma non uguale vale per Douyin (抖音) o TikTok. Un’applicazione che dà sfogo alla nuova tendenza che spopola tra la Generazione Z in Cina: i video.

Live-streaming e short-video infatti, sono amatissimi dai Gen Z in quanto molto ingaggianti. I Brand posso “giocare” con l’applicazione in più modi diversi: investendo in advertising, attraverso collaborazione con KOL o attivando un account  brandizzato. Ma il minimo comune denominatore tra Xiao Hong Shu e Douyin è però il fatto che anche sull’app dei mini-video è possibile rimbalzare direttamente l’utente sul canale e-commerce.

 

Per saperne di più su Douyin e su come può essere interpretato come leva di marketing, leggi l’articolo al link qui sotto.

Douyin, la nuova App per raggiungere i millenial cinesi

>> LEGGI ANCHE: VLOG IN CINA – IL NUOVO TREND DA CAVALCARE NEL REGNO DI MEZZO?

WeChat mini program

WeChat è forse l’applicazione più conosciuta, tra quelle cinesi, a livello mondiale. Probabilmente però, non tutte le sue funzioni sono note quanto il suo nome. Una di queste in particolare, è poco conosciuta ai più al di qua della Grande Muraglia, ma ha conquistato la Generazione Z in Cina. Si tratta dei mini programmi.

Di cosa si tratta? I mini-program di WeChat sono delle mini app all’interno della piattaforma di WeChat che possono assumere diverse forme. Possono essere dei giochi, possono essere usati per prenotare biglietti per il cinema, ordinare da asporto o chiamare un taxi. Ma molto spesso il mini programma è usato come portale e-commerce.

Anche i mini programmi sembrano essere stati disegnati su misura per la Generazione Z in Cina. Tant’è vero che i numeri lo confermano: il 32% degli user che approdano su mini program di e-commerce appartengono a questa fetta di popolazione.

generazione z

Dior Mini Program di e-commerce

 

Per saperne di più sui Mini Program di WeChat, leggi l’articolo al link qui sotto.

Mini-program di WeChat: l’asso nella manica dei brand

 

La Generazione Z in Cina

Quando si rivolge lo sguardo verso un Paese lontano, sia dal punto di vista geografico ma soprattutto culturale, è necessario studiare a fondo il mercato e le sue peculiarità. Non è detto che ad uno stesso segmento demografico, in Paesi diversi, corrispondano esigenze analoghe. Lo abbiamo visto per la Generazione Z in Cina. Un target al contempo esigente e promettente con caratteristiche proprie.

Il panorama digitale cinese è diverso da quello a cui siamo abituati ed è molto variegato. Xiao Hong Shu, Douyin o WeChat sono solo alcune delle applicazioni che vale la pena menzionare. Così come la tendenza del social commerce. Per ogni target ci sono delle specifiche da conoscere, che se colte come opportunità possono determinare il successo di una strategia di internazionalizzazione.

 

 

mini program wechat generazione z

Clicca sull’immagine per scaricare il report. Si aprirà un’altra pagina web con un form da compilare per il download del documento in formato PDF.

 

Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net

About Federica Bassanini

Gli studi in Global Business Management l'hanno portata a Shanghai, quasi per ironia della sorte. Da allora sogna la Cina anche di notte. Teme l'altezza, ma i posti improbabili con vista mozzafiato restano la sua passione.