Gli effetti del Coronavirus si fanno sempre più presenti nella nostra quotidianità. Oltre all’aspetto meramente sociale e sanitario, anche l’economia italiana sta iniziando ad accusare i primi colpi. Attività ridotte, servizi pubblici sospesi e industrie rallentate. Per non parlare degli eventi pubblici e delle fiere di settore, che per ragioni di sicurezza vengono posticipate o addirittura annullate. Il Mido, per esempio, è stato rinviato a fine maggio e la stessa fine è toccata a Cosmoprof e Salone del Mobile di Milano che sono stati posticipati a giugno.  

In uno scenario di questo tipo come devono comportarsi le aziende pronte a partecipare alle fiere? Quali sono le best practices da adottare? Vediamolo insieme. 

 

>>LEGGI ANCHE: FIERE DI SETTORE IN CINA: COME EVITARE PASSI FALSI 

Ripensare e potenziare la comunicazione di brand

L’emergenza Coronavirus limiterà drasticamente l’affluenza di visitatori e di buyer nelle fiere di settore. Ciò avrà forti ripercussioni sugli ordini e sulle vendite. Al Salone del Mobile, per esempio, sono previste dalle 30 alle 35 mila presenze in meno dall’Asia, tra turisti e responsabili acquisti. Da una parte questi dati potrebbero terrorizzare le aziende del Made in Italy, soprattutto quelle che vedono nel mercato asiatico, e specialmente nella Cina, un target fondamentale. D’altro canto, però, bisogna prendere coscienza del fatto che la situazione non cambierà nell’immediato. E che quindi è fondamentale muoversi attivamente per cercare di limitare le ripercussioni negative. Una minore affluenza di visitatori e di buyer cinesi in fiera dovrebbe spingere l’azienda a potenziare la sua comunicazione sui canali digitali, così da bilanciare il lack di visibilità a cui andrà incontro. Per ottenere questo risultato è fondamentale inviare messaggi trasparenti e diretti alla audience asiatica. Così da consentirgli di vivere un’esperienza molto simile a quella che proverebbe di persona in fiera. E chi meglio dei KOL sa comunicare in modo autentico ingaggiando la propria audience? 

A fianco della comunicazione tradizionale sui social media, quindi, una best practices da attuare è quella di collaborare con i KOL cinesi.

 

Chi sono i Key Opinion Leader

In Cina con il termine “KOL“ vengono indicati quei soggetti che godono di un’ottima reputazione e credibilità, e che sono capaci di influenzare le opinioni di chi li ascolta. Sono soggetti strategici in grado di pilotare il giudizio di grandi masse di consumatori. Questi infatti si fidano dei loro giudizi e li considerano un punto di riferimento nelle proprie scelte di acquisto. Grazie all’alto numero di follower, al forte engagement e alla loro autorevolezza sulla community, gli influencer in Cina aiutano i brand a sviluppare awareness e a spingere specifiche call to action, come per esempio la vendita.

In Cina i KOL sono noti per la loro trasparenza nei giudizi, fornendo contenuti autentici e affidabili che consentono di instaurare un rapporto più intimo e di fiducia con il pubblico che li segue. Per questo motivo, coinvolgere i giusti KOL può essere la strategia vincente per i brand che vogliono comunicare con la audience non presente in fiera.

kol cina

La famosissima KOL cinese Zola Zhang

>>LEGGI ANCHE: CINA: INFLUENCER E BLOGGER SONO IMPORTANTI NELLE STRATEGIE MARKETING

KOL e live streaming: un’accoppiata vincente nelle fiere di settore

Per riuscire ad instaurare una comunicazione più immediata e intima con la audience i KOL si servono del live streaming. Le dirette live sono uno strumento molto diffuso in Cina e vengono utilizzate in ogni ambito. Persino durante la Milano Fashion Week diversi brand hanno sfruttato il live streaming per consentire al pubblico cinese non presente di vedere le sfilate. Tra questi Alberta Ferretti, Gucci e Armani.

Lo stesso vale per le fiere di settore. Trasmettere in diretta streaming le attività svolte in fiera può garantire alti livelli di visibilità ai brand e un maggiore coinvolgimento dell’audience. Tutto ciò, poi, consente di ottenere risultati di gran lunga più sorprendenti se vengono coinvolti i KOL. Ingaggiare un influencer per svolgere attività di live streaming dalle fiere permette di aumentare la visibilità del prodotto. Inoltre, può suscitare l’interesse di compratori e buyer e, di conseguenza, di aumentare le vendite.

 

KOL non disponibili e fiere annullate: che si fa?

Di fronte all’impossibilità di trovare Key Opinion Leader cinesi in Italia in questo periodo non c’è da allarmarsi. Da una parte si potrebbe pensare di spedire direttamente il prodotto in Cina e di chiedere all’influencer di recensirlo o di didicarvi una diretta live direttamente da lì. In alternativa, si potrebbe pensare di sostituire la figura del KOL con un soggetto vicino all’azienda. Magari madrelingua cinese che sappia parlare italiano. E chiedere a quest’ultimo di fare attività di live streaming sul web cinese al vostro posto. Anche se questa attività non porterà gli stessi livelli di visibilità garantiti dai KOL, servirsi di una figura che parla la stessa lingua degli ascoltatori e che presenta il brand e i suoi prodotti in tempo reale consente di attirare l’attenzione degli ascoltatori e di guadagnarsi la loro fiducia. 

E nel caso in cui la fiera venga annullata? Anche in questo caso lavorare con figure di spicco come i KOL o con soggetti affini, e programmare con loro dirette live, può essere la strategia vincente. In questo caso le aziende avranno modo di presentare al pubblico il lavoro preparato e di dargli la visibilità che altrimenti non potrebbe ottenere.

 

Ad ogni brand il suo influencer

Ogni KOL ha un suo stile di comunicazione e di interazione con l’audience a cui si rivolge. Un brand prima di iniziare una collaborazione deve valutare attentamente chi ingaggiare. Deve scegliere la figura che più rispecchia l’immagine, il posizionamento e il tone of voice dell’azienda e del suo target. Questa attività è tutt’altro che semplice, ma può portare a grandiosi risultati. 

East Media affianca le aziende in questo percorso. Semplifica il processo di selezione degli influencer e gestisce le attività con essi prima, durante e dopo la fiera. 

 

>>LEGGI ANCHE: CHINA AWARDS 2019: EAST MEDIA PREMIATA CON DUCATI E TONINO LAMBORGHINI


 

Conoscere le festività, quando cadono, il loro significato e le tradizioni ad esse legate, permette di sviluppare ed implementare strategie di marketing di successo. Soprattutto quando si tratta di Paesi estremamente diversi dal nostro, per cultura, usi e costumi.

Scarica e stampa i nostri calendari! Troverai da un lato il calendario cinese 2020, dall’altro quello russo, con le diverse festività celebrate nei due Paesi.

 

calendari cina e russia 2020 fiere di settore

 

 

Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Cina? Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per informazioni su quale sia la STRATEGIA di MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net

 

 

About Jessica Gianni

Jessica, una ragazza piena di sogni e ambizioni. La sua più grande passione è la Cina, che la accompagna negli studi e nel lavoro. E nel tempo libero? Cura un canale di travel vlog in lingua cinese.