Il Made in Italy è in grado di rivestire di una desiderabilità e attrattività speciale tutti i prodotti che ne sono espressione. Questo lo rende un marchio competitivo, ricercato e riconosciuto anche all’estero. Nonostante una delle componenti fondamentali del brand sia l’artigianalità, l’Italia è stata in grado di ritrovare il valore della tradizione anche nella sperimentazione. Legando questo tratto alla tecnologia e al digitale. Abbracciando quindi una visione del mondo ormai sempre più orientata all’online e al tecnologico. Sia nella produzione sia nella comunicazione. 

Questi caratteri distintivi hanno permesso al Made in Italy di resistere a un periodo di forte crisi come quello della pandemia da Covid-19. E anzi, di uscirne vincitore. L’export Made in Italy, infatti, nei primi mesi del 2021 ha segnato numeri da record. Dimostrando che l’Italia è ormai protagonista della ripartenza e che proprio l’export sta facendo da traino.

Vediamo più nel dettaglio!

Uno sguardo generale

L’emergenza sanitaria ha fortemente colpito il tessuto socio-economico italiano. E, come in tutti i Paesi, ha determinato una flessione significativa dell’export. Nonostante questo dato in decrescita, la diminuzione registrata è stata minore rispetto a quella di altri Paesi grandi esportatori. Nel 2020, tra i Paesi del G8, l’Italia è stata seconda per minor calo dell’export, con una flessione delle esportazioni del 9,7%. Ottenendo risultati migliori di Francia, Regno Unito e Stati Uniti.  Ricordiamo che poi sempre nel 2020 il Bel Paese si è riconfermato all’ottavo posto tra gli esportatori mondiali.

Valore dell’export Made in Italy e previsioni per il 2021

L’export di beni e servizi, il cui valore nel 2020 ammontava a 509 miliardi di euro, rappresenta il 29,5% del PIL dell’Italia. È stato il driver della ripresa dopo il 2008.
Le esportazioni sono state un fattore importante per la stabilizzazione del PIL dopo l’anno critico della pandemia. Inoltre secondo le previsioni della Banca d’Italia nel 2021 si stima una crescita del PIL italiano pari al 5,1% e al 4,4% nel 2022.
Anche per le esportazioni totali si prevede un aumento dell’11% nel 2021 e del 6,5% nel 2022, in linea con il commercio globale.

2021: anno di ripresa per il Made in Italy

Secondo i recenti dati del rapporto ICE 2021, il Made in Italy è andato incontro a una forte crescita che sottolinea la ripresa economica del Paese nel mondo. I dati dei primi cinque mesi di quest’anno mostrano una crescita progressiva delle esportazioni che supera i livelli, già molto positivi, del 2019. Dopo un 2020 particolarmente complesso, il 2021 può essere a tutti gli effetti l’anno della ripresa per l’Italia.

In particolare l’export Made in Italy nei primi cinque mesi del 2021 è cresciuto del 23,9% rispetto allo stesso periodo del 2020. E del 3% rispetto al 2019.

I settori più performanti che hanno contribuito in maniera consistente alla crescita tendenziale delle esportazioni sono:

– Macchinari e apparecchi n.c.a. (+28,6%)

– Metalli di base e prodotti in metallo (+32,8%)

– Autoveicoli (+64,5%)

– Apparecchi elettrici (+33,5%)

export made in italy

>>LEGGI ANCHE: LA RIPRESA DELL’EXPORT ITALIANO: PREVISIONI PER IL 2021

Mercati strategici per la ripartenza

Per quanto riguarda i mercati, la Germania si conferma il principale mercato di sbocco per l’Italia. Seguito da Francia e Stati Uniti. In particolare l’export italiano nel primo trimestre del 2021 è andato incontro a una crescita significativa verso i mercati di:

– Francia (+11,8%)

– Germania (+6,8%)

– Svizzera (+8,8%)

Tuttavia, guardando alla crescita delle esportazioni nel primo quadrimestre di quest’anno, è verso la Cina che l’export Made in Italy ha segnato la maggior crescita. Registrando addirittura un aumento del 55,3% rispetto allo stesso periodo del 2020.

>>LEGGI ANCHE: I MERCATI E I SETTORI TRAINANTI DELL’EXPORT ITALIANO NEL 2021

Opportunità per il Made in Italy

Per continuare a cogliere tutte le opportunità del momento è importante guardare ai nuovi trend che guideranno i modelli di consumo e produzione nell’era digitale post-covid. Digitale, innovazione e sostenibilità.

Inoltre per un maggior dinamismo strategico si rivelano fondamentali l’accelerazione della transizione digitale e la ricerca di nuovi modelli di business basati su tecnologie innovative. 

In questa ottica per l’Italia è in arrivo un periodo pieno di opportunità da cogliere. Infatti una delle peculiarità del Made in Italy è proprio la capacità di unire innovazione e creatività, insieme al rispetto per la tradizione e il territorio. Nuovi fattori critici essenziali per avere successo nel mondo post-pandemico.

export made in italy

>>LEGGI ANCHE: DIGITALIZZAZIONE, INNOVAZIONE ED E-COMMERCE: NUOVI PARADIGMI PER L’EXPORT ITALIANO

Innovazione nell’export Made in Italy

L’eccellenza del Made in Italy non si è fermata neanche durante la pandemia e i dati ne sono la conferma. Inoltre emerge che le aziende che esportano sono quelle che sopportano con più facilità i periodi di crisi con un minore calo del fatturato. Sono anche più reattive al cambiamento nella ripresa e propense alla trasformazione digitale. 

Le opportunità che il commercio mondiale offre all’Italia potranno essere colte grazie all’esclusività dei prodotti del Made in Italy, da sempre sinonimo di qualità ed eleganza nel mondo, e alla spiccata vocazione all’imprenditorialità, con alta specializzazione in comparti tradizionali e forte propensione all’export. 

In questo nuovo scenario non vanno tuttavia dimenticati i nuovi paradigmi che caratterizzano il mercato globale post-pandemia. Punto cardine dell’export sarà infatti il digitale, che permette di integrare il locale con il globale, per vendere i propri prodotti su scala internazionale.

>>LEGGI ANCHE: I 5 VANTAGGI DELLE FIERE DIGITALI B2B NEL 2021: PERCHÉ PASSARE ALL’ONLINE


SCOPRI L’OPPORTUNITÀ DI ALIBABA.COM

Alibaba.com è una piattaforma digitale che offre moltissime opportunità di espansione per l’export B2B. East Media B2B può aiutarti a inserirti su questa piattaforma e a ricavarne il massimo dei risultati. Vuoi saperne di più? Scarica la proposta di East Media B2B!

settori trainanti dell'export B2B

Cliccando sull’immagine verrai reindirizzato a un form per il download della proposta in formato PDF.

Visita il nostro sito e il nostro blog per rimanere sempre aggiornato.

Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net

About Nadia Riccardi

Appassionata della Russia, del marketing e della subacquea. Ha lasciato il suo cuore a Mosca, dove spera di tornare. Ama osservare il mondo da più punti di vista, in modo analitico, creativo ... sia sopra che sott'acqua.