Indicizzare su Yandex. La guida completa per ottimizzare il tuo sito.

Indicizzare su Yandex è un obiettivo fondamentale per chi vuole fare marketing in Russia. Ecco la nostra guida per ottimizzare il tuo sito

 

Indicizzare su Yandex significa riuscire a ottenere visibilità sul motore di ricerca più utilizzato in Russia e in molte nazioni confinanti. Raggiungere questo obiettivo permette di rivolgersi a un pubblico molto vasto, al quale si possono proporre i propri prodotti e servizi.

 

In questo nuovo articolo di East Media, spieghiamo come indicizzare su Yandex, le principali differenze rispetto a Google, e come promuovere la propria azienda sul mercato russo.

 

Sì, perché se si vuole rivolgersi a mercati come quello russo o quello cinese, non ci si può affidare a Google! I motori di ricerca più utilizzati in questi Paesi sono diversi, e diverse sono le impostazioni da adottare per l’ottimizzazione dei siti web.

Indicizzare su Yandex

Cosa si deve sapere su Yandex

 

Per cominciare, prima di vedere come indicizzare su Yandex, dobbiamo sottolineare che esso non è solo un motore di ricerca. Yandex è una multinazionale del settore tecnologico che offre una nutrita varietà di prodotti e servizi B2B e B2C, tra i quali:

 

  • Yandex Browser
  • Yandex Disk
  • Yandex Mail
  • Yandex Maps
  • Yandex Market
  • Yandex Taxi
  • Yandex Translate

 

Questa varietà di servizi fa sì che Yandex Search riceva ogni giorno decine di milioni di visite. Oggi, oltre il 60% degli utenti internet russi utilizza Yandex per le ricerche online.

 

Inoltre, vale la pena ricordarlo, Yandex è piuttosto diffuso anche tra le comunità di lingua russa che risiedono in Bielorussia, Kazakistan e Turchia ed è il quarto motore di ricerca al mondo.

 

>>Leggi anche: East Media: stretta una partnership strategica con Yandex

 

Google e Yandex: Le principali differenze

 

Fondamentalmente, Google e Yandex non sono poi così diversi. Perciò, se si è in grado di ottimizzare un sito su Google, occuparsi della SEO e indicizzare su Yandex non risulterà molto più complicato. Tuttavia, ci sono alcune differenze da considerare. Eccone alcune tra le più importanti:

 

1. SEO locale

 

Una delle differenze fondamentali tra Google e Yandex è che quest’ultimo è ben più geolocalizzato. Gli utenti provenienti da regioni diverse vedranno risultati diversi per la stessa ricerca.

 

Su Google, la geolocalizzazione gioca un ruolo fondamentale ma i risultati non sono molto diversi. Ad esempio, se si cerca un ristorante a Milano, bisogna digitare “ristorante giapponese a Milano” per ottenere il risultato desiderato.

 

Su Yandex invece, la propria posizione viene rilevata dall’indirizzo IP e, scrivendo semplicemente “ristorante giapponese” si otterrà il risultato desiderato. Ciò rende Yandex di gran lunga superiore a Google nelle ricerche a livello local ma, d’altro canto, rende più difficile raggiungere un target che risiede in località diverse.

 

 

 

2. Link Value e Link Building

 

I link giocano ancora un ruolo fondamentale quando si tratta di indicizzazione per Google, ciò non avviene se vuoi indicizzare su Yandex. Anche se il motore di ricerca russo tiene comunque in considerazione i link, preferisce comunque dare priorità ai fattori comportamentali e al traffico reale.

 

Immaginiamo che un sito riceva un backlink da un dominio. Che influenza avrà sull’indicizzazione su Google e Yandex?

 

Google si concentrerà sull’autorevolezza del dominio, la natura del link e il traffico per calcolare il valore di questo link sulla propria pagina.

 

Yandex, invece, potrebbe non considerare il link finché esso non genera traffico verso la propria pagina. Se nessuno clicca sul link, esso verrà considerato inutile a prescindere dall’autorevolezza del dominio d’origine.

 

Ma non è neanche il caso di pensare solo al traffico organico, Yandex tiene in considerazione una serie di fattori comportamentali per valutare la validità reale di un link. Ad esempio, se un utente clicca sul link per entrare sul proprio sito ma torna subito indietro, il link verrà considerato di bassa qualità.

 

>>Leggi anche: Fare SEO per la Russia. Le principali differenze tra Yandex e Google

 

3. Comportamento dell’utente e dati sul coinvolgimento

 

Yandex considera di grande importanza il comportamento dell’utente, molto più di Google. Se c’è uno scarso coinvolgimento la propria campagna SEO potrebbe risentirne parecchio.

 

Yandex prende in considerazione le azioni degli utenti anche dopo aver abbandonato il tuo sito. Se gli utenti continuano a navigare su pagine simili alla propria, Yandex interpreta questo segnale e attribuisce al tuo sito uno scarso valore, penalizzandone l’indicizzazione.

 

4. Età del dominio e autorevolezza

 

È un concetto semplice da capire, per Yandex un sito più vecchio molto più è autorevole. Per i siti più recenti è più difficile scalare la SERP. In particolare nelle nicchie più competitive come il retail, i servizi legali, il settore farmaceutico e l’ecommerce.

 

5. I contenuti e la metodologia antispam

 

La qualità dei contenuti è importante sia per Google che per Yandex, ma il motore di ricerca russo è ben più rigido riguardo ai contenuti duplicati, la sovra-ottimizzazione e lo spam. Gli aggiornamenti dell’algoritmo quali Minusinks e Baden-Baden aiutano Yandex a delineare questo processo.

 

Ma in entrambi i casi sono sempre i contenuti a farla da padroni. Contenuti di qualità e ben ottimizzati possono garantire una buona indicizzazione su Yandex come su Google.

 

6. Usability, User Experience e altri fattori di ranking

 

Il design del sito, la usability e la user experience rivestono una grande importanza quando si tratta di indicizzare su Yandex, in particolare per le query di natura commerciale. Yandex esige una grande qualità ai domini ecommerce. Ciò significa che bisogna offrire dei moduli di richiesta ben strutturati, filtri per le ricerche calibrati e carrelli facili da usare.

 

L’approccio alla UX di Google è un po’ diverso. Non richiede nulla di specifico se non fattori relativi alla funzionalità del sito web quali la velocità, l’ottimizzazione per la navigazione da mobile, la struttura del sito e altri aspetti simili. Sebbene tutti questi fattori siano tenuti in considerazione anche da Yandex, il motore di ricerca russo è più interessato alla qualità del servizio offerto.

 

7. Optimization Time

 

Google è un motore di ricerca potente con numerosi data center che sfrutta per operare in tutto il mondo. Yandex non ha queste dimensioni e perciò, in linea di massima, i suoi crawler sono più lenti e l’indicizzazione ne può risentire, con variazioni sui siti interni al suo network.

 

Per indicizzare su Yandex, si dovrà probabilmente attendere anche fino a un mese intero prima di ritrovarsi nella SERP.

 

>>Leggi anche: Social Network Russia: su quali social conviene fare marketing in Russia

 

8. Punta sull’ottimizzazione On-Page

 

Come dicevamo, Yandex è molto rigido. E oltre a questo non è in grado di analizzare le varie casistiche come Google. Perciò, Yandex tende a penalizzare un sito anche per errori meno gravi, ad esempio un errore di digitazione nel codice HTML.

 

Yandex è molto attento al fattore della SEO on-page. Assicurarsi che il codice e la struttura del sito, i titoli e i metatag, le descrizioni e le metadescrizioni, i contenuti e gli URL siano perfetti. Anche un piccolo errore su una determinata pagina può abbassare il proprio ranking da 10 a 20 posizioni!

 

9. Indicizzare su Yandex significa scrivere in russo

 

Infine, c’è una differenza linguistica tra i due motori di ricerca. Google è più a suo agio nell’indicizzare domini scritti in inglese, mentre Yandex non ha rivali nell’operare in lingua russa.

 

 

Indicizzare su Yandex: i trucchi per la SEO

 

1. Ottimizza il tuo sito su base local

 

Yandex è un motore di ricerca su base regionale, ed è per questo che è l’ideale per la SEO local. Inoltre, si può aiutare i bot di Yandex a individuare la regione per delle ricerche specifiche sfruttando diverse strategie, ecco quali:

 

  • Inserire l’indirizzo della propria azienda sul sito. Assicurarsi di includere tutte le informazioni necessarie: paese, città, via o piazza, codice di avviamento postale, numero di telefono e altro.

 

  • Includere altri indirizzi per le altre regioni. Non temere che Yandex non sia in grado di indirizzare le ricerche in base a una particolare regione. Basterà elencare tutti gli indirizzi a propria disposizione per coprire ogni canale regionale e Yandex Search mostrerà i risultati desiderati in base all’indirizzo IP.

 

  • Evitare di inserire contenuti su base regionale nel proprio indirizzo IP. Se alcune sezioni del proprio sito si rivolgono a luoghi quali ad esempio Odessa e un utente effettua una ricerca da Kiev, non c’è bisogno di nascondere le pagine relative a Odessa nei file robots.txt o .htaccess. I bot di Yandex rimanderanno in automatico alle pagine relative a Kiev.

 

  • Includere keyword relative alle regioni specifiche. Controllare se nel proprio titolo, da H1 a H6 e negli altre tag sono presenti informazioni geolocalizzate. Aiuteranno Yandex a indicizzare il proprio dominio e saranno utili per gli utenti che lo visitano.

 

Yandex cerca sempre di assicurare ai suoi utenti dei risultati pertinenti alla sua ricerca, soprattutto per quanto riguarda prodotti e servizi. Quindi, quando si ottimizza la pagina di un prodotto bisogna tenere in considerazione i seguenti fattori:

 

>>Leggi anche: Esportare in Russia. Si può iniziare con gli e-commerce. Ecco i nostri consigli

2. Evitare di manipolare il comportamento degli utenti

 

Yandex punisce severamente i siti che cercano di manipolare il comportamento degli utenti e il coinvolgimento. Ad esempio, Yandex può penalizzare il tuo sito per commenti fuori tema o per lo spam.

 

Il pericolo più grande è nell’utilizzo di software e plugin che simulano il comportamento dell’utente, quali ad esempio le visite false, le conversioni e la simulazione di visite interne di pagina in pagina. Yandex può individuare il software e declassare il sito.

 

3. Attenzione ai backlink

 

I link sono molto in importanti anche per Yandex ma non sono un aspetto decisivo nell’indicizzazione di un sito.

 

Come per Google, anche in questo caso è bene avere dei backlink di qualità ma bisogna posizionarli su piattaforme che possano indirizzare del traffico realmente relativo al proprio sito. Più sessioni si ottengono, più è probabile che il valore del link vada a migliorare l’indicizzazione di un sito.

 

I backlink devono essere creati in maniera naturale. Creare contenuti che siano considerati utili e affidabili, significa che i propri utenti saranno ben disposti a linkarli e condividerli. Per Yandex, un buon backlink è segno di credibilità e autorevolezza.

 

4. Se possibile, acquistare un vecchio dominio

 

L’età del dominio è molto importante, un dominio recente incontra diverse difficoltà nell’indicizzare su Yandex. Secondo molti webmaster, Yandex tiene da parte i siti più recenti, evitando che raggiungano un buon ranking in SERP per almeno uno o due anni.

 

Che sia vero o falso, è sempre bene cercare un dominio più datato per avvantaggiarsi nella propria strategia SEO. Se vuoi lanciare un nuovo sito su Yandex, l’acquisto di un vecchio dominio darà più credibilità e sarai considerato affidabile.  L’età è un fattore importante, perciò non scoraggiarti se il tuo nuovo sito non raggiunge da subito i risultati desiderati.

 

5. Dai priorità alla qualità dei contenuti

 

Yandex preferisce i contenuti di qualità e penalizza i plagi, lo spam e la sovra-ottimizzazione di un sito. Tuttavia, Yandex non è veloce come Google nell’individuare quando una pagina duplicata aggiunge valore a un sito. Ad esempio, Yandex potrebbe penalizzare il proprio e-commerce se si dimentica di nascondere le pagine dinamiche che sono parzialmente simili.

 

6. Attenzione all’“Pertinenza Commerciale”

 

Come si sarà notato, uno dei principali criteri di indicizzazione su Yandex è la pertinenza, in particolare nel settore e-commerce. Quindi, se si vuole ottimizzare una pagina per vendere un prodotto o un servizio, bisogna considerare i seguenti fattori:

  • Keyword chiare e concise
  • Aggiungere le keyword nella descrizione di ogni singolo prodotto
  • Includere le specifiche del prodotto
  • Inserire i commenti e le recensioni dei clienti
  • Offrire informazioni di contatti e indirizzi per ogni regione
  • Creare backlink che generino traffico reale

 

>>Leggi anche: Il nuovo mercato fashion in Russia: la rinascita dopo la crisi

7. Gli URL possono essere scritti anche in cirillico

Yandex è in grado di comprendere sia i caratteri latini che quelli cirillici, perciò l’URL può essere scritto in entrambe le lingue. Utilizzare un URL in cirillico non garantisce alcun vantaggio perché i risultati delle ricerche non tengono conto del carattere utilizzato per il sito.

 

Conclusioni

 

La Russia rappresenta un mercato vastissimo che può offrire ampi guadagni alla propria azienda. Se si vuole raggiungere un pubblico di lingua russa, Yandex è indispensabile. E proprio come Google, anche il motore di ricerca russo ha delle regole che devono essere seguite per fare marketing.

 

Ma fare SEO su Yandex non è impossibile: i criteri principali non sono diversi da quelli di Google. Se si hanno dei dubbi non esitate a contattarci: i nostri esperti possono aiutarvi a entrare sul mercato russo attraverso il web.

 

>>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Russia?

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato!

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. LA RUSSIA E’ VICINA….–>  info@east-media.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>