In Russia dal 1° novembre è entrata in vigore la legge sull’Internet sovrano. D’ora in poi l’accesso al web in Russia sarà controllato e protetto dalle autorità di Stato e la cosiddetta Runet – così viene chiamata la rete russa – sarà in un certo senso isolata e autonoma rispetto al world wide web.

Cosa significa Internet “sovrano”?

La locuzione Internet sovrano sottintende che, dalla data di entrata in vigore della legge e quindi già da ora, la rete web russa sarà nelle mani del governo della Federazione. L’intento sarebbe quello di difendere la Runet da minacce esterne. Le quali si concretizzano in un eventuale isolamento della Russia da parte di server stranieri. Se per qualche motivo le infrastrutture di comunicazione russe non riusciranno ad avere accesso ai dati provenienti dall’esterno, le informazioni più sensibili (come i siti delle amministrazioni pubbliche) saranno salvaguardate e manterranno il funzionamento regolare. In questo modo, in caso d’emergenza il sistema di comunicazione russo non si troverà paralizzato.

 

Come funziona?

La legge sull’Internet sovrano impone il controllo delle infrastrutture di telecomunicazione. Infatti, i provider devono installare un hardware in grado di tracciare, filtrare e reindirizzare il traffico Internet. Una tecnologia chiamata Deep Packet Inspection, o Dpi. Cosicché, nel caso di minaccia all’integrità e alla sicurezza di Internet, Roskomnadzor – l’organo che regola le telecomunicazioni – potrà gestire l’instradamento del traffico. Anche rispetto alle risorse già messe al bando in Russia. Il costo di tale riforma ammonta a 2 miliardi di rubli, di cui due terzi spesi per gli hardware.

Inoltre, la legislazione si propone di costruire un Domain Name System nazionale alternativo che consenta il funzionamento di internet anche qualora la Russia fosse tagliata fuori dalle infrastrutture straniere.

 

>> LEGGI ANCHE: YANDEX E NAVER INSIEME PER NUOVE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS

 

Come interpretare l’Internet sovrano in termini di business

L’Internet sovrano è un’ulteriore conferma della tendenza a regolamentare la Runet. Nell’uso quotidiano si dice che l’utente non noterà cambiamenti. Ma sulla falsariga di ciò che accade con il Great Firewall cinese, i siti e i contenuti stranieri saranno più soggetti a controllo.

Per le aziende che sono o vogliono essere presenti digitalmente sul web russo, la legge sull’Internet sovrano è da prendere in considerazione. Ma sotto quale punto di vista?

La nuova legge, sommata alla 242-FZ sulla “localizzazione”, conferma che per fare business via digital in Russia è necessario:

  1. Avere l’hosting del proprio sito in Russia
  2. Presenziare piattaforme russe

Anche al di là dei vantaggi intrinsechi che a livello di digital marketing una strategia così articolata potrebbe portare.

 


 

Vuoi scoprire tutte le novità del digital marketing in Russia nel 2020? Scarica questo report firmato East Media e non perdere l’occasione di scoprire come strutturare al meglio la tua digital strategy.

Vuoi saperne di più? Scarica il report cliccando sull’immagine sotto!

 

Digital marketing Russia 2020

 

Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net