Cresce il numero dei turisti cinesi e russi che acquistano in Italia

Cresce il numero dei turisti cinesi e russi che acquistano in Italia

Le vendite Tax Free nei primi 9 mesi dell’anno sono aumentate dell’8%. La crescita maggiore si registra con i turisti cinesi e russi

 

I turisti cinesi e russi amano l’Italia. Il Bel Paese richiama per le sue bellezze, la cucina, il life style…e lo shopping. E’ quanto emerge dai dati diffusi da Global Blue, società leader per i servizi Tax Free di shopping.

Nei primi nove mesi del 2017, le vendite in Italia nelle aree Tax Free sono cresciute dell’8% rispetto lo stesso periodo del 2016. I principali acquirenti sono i turisti cinesi con una quota del 28%, in aumento del 15% rispetto l’anno scorso. Bene anche i turisti russi, che rappresentano il 9% del totale. Dopo anni difficili, sono tornati a viaggiare e spendere: da gennaio a settembre 2017 si è registrato un incremento negli acquisti del 24%.

 

> Leggi anche: Il nuovo mercato fashion in Russia: la rinascita dopo la crisi

 

Le categorie merceologiche dove si sono registrati maggiormente gli aumenti degli acquisti Tax Free sono quelle tipiche del Made in Italy. Nei primi 9 mesi dell’anno, il settore “Moda & Abbigliamento” è cresciuto dell’8%, mentre “Gioielli&Orologi” del 7%.

 

 

Milano e Roma le mete dello shopping per i turisti cinesi e russi

I turisti cinesi e russi sono quelli che spendono di più in vacanza in Italia. Come rileva sempre Global Blue, i più “spendaccioni” sono i turisti cinesi con uno scontrino medio di 975 euro. Seguono i turisti russi con uno scontrino medio tax free di 662 euro.


> Leggi anche: Turisti russi in Italia: dove vanno e cosa cercano

 

Interessante è notare poi come i turisti cinesi e russi abbiano evidenziato tendenze differenti in termini di mete. I cinesi hanno scelto principalmente Milano (38%), e a seguire Roma (18%), Firenze (9%) e Venezia (6%). I turisti russi, invece, si sono allineati a quelli americani e distribuiti in maniera più omogenea con Roma (23%), Milano (22%) e Firenze (21%).

 

 

Comunicare sui giusti canali

 

Ricordiamo che i turisti cinesi e russi utilizzano piattaforme locali differenti da quelle più popolari in Occidente. Per eseguire delle ricerche online al posto del motore di ricerca Google i russi utilizzano Yandex e i cinesi Baidu.

Differenti sono anche i social network. Se Facebook è abbastanza diffuso in Russia in città come Mosca e San Pietroburgo tra i giovani, il resto degli utenti è abituato a utilizzare piattaforme come VKontakte e Odnoklassniki.

 

> Leggi anche: Social network in Russia: su quali conviene puntare

 

Ancora più estrema è la situazione in Cina. Facebook è praticamente sconosciuto perché “bannato”. Gli oltre 800 milioni di utenti cinesi, molto evoluti digitalmente, utilizzano social network come WeChat e Weibo.

 

> Leggi anche: Fare marketing in Cina, gli strumenti indispensabili

 

Per raggiungere i potenziali clienti cinesi e russi è fondamentale farsi trovare dove andranno a cercare le informazioni. Sia che si voglia brand awareness oppure promuovere un’attività o servizio. Questa è la chiave per assicurarsi delle vendite in Italia con i turisti cinesi e russi.

 

 

>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Cina e Russia?

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

 

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. CINA E RUSSIA SONO VICINE… –>  info@east-media.net

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>