I mini-program di WeChat hanno un enorme successo tra gli utenti cinesi e continuano ad avere nuove funzionalità. Ma di cosa si tratta? Non sono altro che una delle ultime novità lanciate da WeChat per accrescere e rendere sempre più completa l’esperienza online dei suoi utenti. Si presentano come delle mini-App interne alla piattaforma che offrono ulteriori servizi all’utente. La particolarità dei mini-program è che non sono solo una nuova fonte di svago per gli utenti. Infatti costituiscono anche nuove opportunità per le aziende per interagire con i loro clienti e per vendere direttamente i propri prodotti.

Ma andiamo con ordine: prima di tutto ripercorriamo le principali caratteristiche dell’App che li supporta, WeChat.

 

Cos’è WeChat

Chi si occupa di fare business sul mercato cinese avrà sicuramente sentito parlare di WeChat. È un’App semplicemente indispensabile in Cina, motivo per cui conta 1,1 miliardi di utenti giornalieri. WeChat è un vero e proprio ecosistema online che accompagna i cinesi durante tutto l’arco della giornata, offrendo loro diversi servizi. Dalla messaggistica, alla condivisione di foto e video, dallo shopping al pagamento delle bollette, dalle video chiamate ai pagamenti online. All’interno di questo universo online sono stati concepiti i mini-program di WeChat.

 

>>LEGGI ANCHE: 8 FUNZIONI DI WECHAT DA SFRUTTARE PER IL TUO BRAND

 

Perché WeChat ha lanciato i mini-program

In virtù delle sue numerosissime funzioni, WeChat è un luogo digitale molto frequentato dai cinesi durante una giornata standard. Essendo così radicato nella quotidianità delle persone, l’azienda madre Tencent cerca regolarmente di ampliarne i servizi. In questo modo l’App diventa sempre più fruibile e si innalza il tempo speso quotidianamente dagli utenti su di essa. Questo è il motivo per cui l’azienda ha deciso di implementare la piattaforma WeChat con i mini-program.

 

Come funzionano i mini-program

Tencent ha deciso di sviluppare i mini-program in modo che non sia necessario scaricarli e installarli separatamente dall’App WeChat. In questo modo si evita di occupare prezioso spazio nella memoria interna dei device. Il fatto che siano integrati nell’App significa inoltre che sono ben connessi con tutte le altre parti di WeChat.

Collegando i mini-program all’account aziendale di WeChat è possibile coinvolgere gli utenti più a lungo e raggiungerli attraverso più punti di ingresso. Questo perché i mini-program sono accessibili sia dalla sezione “Cerca” che da un menù a tendina sopra la sezione “Chat” dell’applicazione. La facilità di accesso è un elemento molto utile per quei brand che vogliono stimolare la lead generation o l’engagement sul sito attraverso WeChat.

 

Catture dalla sezione Chat e dalla sezione dedicata esclusivamente ai mini-program di WeChat

 

 

A cosa servono i mini-program

I mini-program possono essere utilizzati in vario modo: per fare shopping online, per accedere ai siti web aziendali, per giocare, per fare esperienze di realtà aumentata, per pagare vari servizi in abbonamento e molto altro ancora. L’idea di base è quella di trovare una soluzione per ogni esigenza degli utenti di WeChat. In questo modo avranno a disposizione tutto ciò che desiderano in un unico luogo e saranno più invogliati a non abbandonarlo per molto tempo.

Andiamo ora ad approfondire due delle funzionalità dei mini-program particolarmente utili ai brand presenti su WeChat: quella del gaming e quella dell’e-commerce.

 

>>LEGGI ANCHE: CINA: I 7 TREND DELL’E-COMMERCE NEL 2020 DA NON FARSI SCAPPARE

 

1. I mini-game

Una delle declinazioni dei mini-program più amate è quella per giocare online. Secondo i dati di WeChat, i mini-game disponibili sono più di 2000 e sono utilizzati da 310 milioni di utenti. Molti di questi mini-game raggiungono la quota di 10 milioni di utenti attivi al giorno.

Bisogna ricordare che gli utenti cinesi si affezionano rapidamente ai giochi avvincenti che offrono una gratificazione istantanea. Quindi sviluppare un mini-game su WeChat associato al proprio brand è una strategia intelligente per conquistare e fidelizzare i propri follower e potenziali clienti. L’obiettivo in questi casi è sempre uno: rendere virale il mini-game. Per farlo si devono incoraggiare gli utenti a condividere il gioco stesso, i risultati raggiunti o una loro immagine personalizzata.

 

Case: il mini-game “Trunk in the sand” di Louis Vuitton

Le potenzialità dei mini-program sono tali che anche le maison della moda hanno da tempo iniziato a usarle in maniera massiccia. Tra i vari esempi è sicuramente da citare il mini-game “Trunk in the sand” di Louis Vuitton.

I giocatori devono partecipare a una caccia al tesoro in mezzo al deserto al volante di un camioncino storico brandizzato LV. Il tesoro è costituito da scrigni che ovviamente contengono prodotti di Louis Vuitton. Una volta raggiunto ogni scrigno, all’utente viene mostrato il prodotto e le relative informazioni. Un modo divertente e interattivo per intrattenere i follower e allo stesso tempo trasmettere informazioni relative ai prodotti.

 

mini-program

Catture dal mini-game “Trunk in the sand” di Louis Vouitton su WeChat

 

 

 2. I mini-commerce

In Cina uno dei trend maggiormente in crescita è quello del social commerce. Esso consiste nell’integrare piattaforme social con piattaforme e-commerce. Questo concept, apprezzato soprattutto dai consumatori più giovani, nasce dalla necessità di trovare modalità alternative al classico commercio elettronico. I mini-commerce su WeChat forniscono esattamente questa possibilità ai brand, inserendosi con successo nel trend del social commerce.

I mini-commerce di WeChat si presentano dunque come un canale alternativo alle piattaforme di e-commerce o ai marketplace. All’interno di essi gli utenti possono fare un’esperienza di shopping ottimizzata. Infatti offrono anche tutta una serie di funzionalità in più al classico e-commerce. Fra di esse troviamo per esempio la personalizzazione dei prodotti. Ci sono poi anche l’offerta di carte regalo e codici sconto e la possibilità di fare acquisti di gruppo.

 

>>LEGGI ANCHE: SOCIAL COMMERCE: IL FUTURO DEGLI ACQUISTI ONLINE IN CINA

 

Case: il mini-commerce di Italian Life Style

Il mini-commerce di Italian Life Style è un ottimo esempio di come le aziende italiane possono utilizzare questo strumento per stimolare le vendite online in Cina. Al suo interno gli utenti cinesi possono comprare diversi prodotti tipici del Made in Italy. L’acquisto avviene direttamente in-App, appoggiandosi a un customer service in cinese in caso di necessità. Italian Life Style si occupa poi dell’intera spedizione, dalla presa in carico in magazzino fino alla consegna a domicilio. Durante questo processo il cliente può monitorare lo stato suo ordine, sempre attraverso il mini-program.

 

mini-program italian life style

Catture dalla homepage del mini-commerce di Italian Life Style

 

 

I mini-program di WeChat sono davvero fondamentali?

Come più volte sottolineato, in Cina non esiste un solo strumento sul quale puntare per rendere efficace la propria strategia di digital marketing. Bisogna piuttosto elaborare una strategia di comunicazione e marketing che tenga in considerazione i trend e le abitudini digitali degli utenti cinesi. Questo significa aggiornarsi costantemente sulle ultime novità del panorama digitale.

Sicuramente oggi i mini-program sono fra gli strumenti che catturano l’interesse e l’attenzione di una grande audience di potenziali clienti in Cina. Per questo motivo è consigliabile per i brand italiani sfruttarne al meglio le potenzialità, insieme a tutte quelle offerte più in generale dall’App WeChat.

 


 

I mini-program sono molto più di quanto detto fin’ora. Per avere una visione completa delle mini App di Wechat non ti resta che scaricare il nostro nuovo report sull’argomento. Clicca sull’immagine sotto!

 

mini-program WeChat

 

Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net

About Irene Cassanmagnago

Laureata in mediazione linguistica e studentessa di lingue, comunicazione e relazioni internazionali. Attualmente alla scoperta del mondo del marketing e della comunicazione con un focus sul panorama digitale cinese.