La crisi causata dal Covid-19 ha interessato molti settori, ma non quello del food Made in Italy. In Russia, infatti, c’è stato un vero e proprio boom di vendite online di prodotti agroalimentari italiani.

Questa notizia, in realtà, non dovrebbe coglierci di sorpresa. Secondo un recente sondaggio di Delivery Fest-ResearchMe, condotto su 4.000 intervistati, la cucina più amata dai russi è quella italiana, che si classifica al primo posto con il 32% di preferenze.

Quali sono, quindi, le prospettive nell’immediato futuro per le aziende italiane del settore food in Russia?

>>LEGGI ANCHE: EXPORT IN RUSSIA: CHECK LIST DELLE OPPORTUNITÀ PER IL MADE IN ITALY

Trend in crescita per il food Made in Italy

Quello del food è un settore in continua trasformazione. Sono nati nuovi trend e altri già esistenti hanno subìto un’impennata. Tra questi troviamo il food delivery e le vendite sulle piattaforme di e-commerce. L’AKIT (Associazione del Commercio Elettronico Russo) ha confrontato alcuni dati di aprile-maggio 2020 con quelli dello stesso periodo nel 2019. Ne risulta che le vendite online dei prodotti agroalimentari italiani sono cresciute di 4,5 volte. Inoltre, si passerà da 45 miliardi di rubli (circa 518 milioni di euro) a 130 miliardi di rubli (un miliardo e mezzo di euro) a fine 2020. Entro il 2023, inoltre, il food online dovrebbe crescere fino a raggiungere un giro d’affari di 300 miliardi di rubli.

Anche la domanda di vino Made in Italy è cresciuta esponenzialmente. Secondo i dati di Yandex, analizzati da InfoLine, nel solo maggio 2020 la domanda di vini italiani è triplicata (+ 216%). In particolare, il numero di query sul vino italiano nel motore di ricerca russo è passato da 10.750 a maggio 2019 a 34.074 a maggio 2020. Nel 2023, il volume di mercato del settore wine andrà oltre i 500 miliardi di rubli, mentre si prospetta che nel 2024 arriverà a toccare i 716 miliardi di rubli.

Digital marketing: le strategie per farsi conoscere in Russia

Le prospettive per le aziende italiane che operano nel settore food sono, quindi, delle migliori. Ma come farsi conoscere sul mercato russo? Per prima cosa, è importante tenere a mente che solo il 14% della popolazione russa conosce l’inglese. Per questo motivo, è fondamentale sviluppare un sito web in lingua russa. La traduzione di cataloghi e schede con tutte le informazioni dei prodotti deve essere affidata a traduttori professionisti. Allo stesso modo, anche la costumer care va fornita in lingua russa. Infatti, nel Paese della Piazza Rossa, i consumatori sono molto esigenti e sono abituati a ricevere risposte dettagliate in tempi brevissimi.

Altro fattore molto importante è lo sviluppo di una strategia di digital marketing mirata, da attuare sui principali canali di comunicazione locali. Per farsi conoscere in Russia è importante che il vostro sito compaia tra i risultati su Yandex, il più grande motore di ricerca nella Federazione. Bisogna ricordare anche che il social network più utilizzato dai russi è Vkontakte. Con oltre 70 milioni di utenti attivi ogni mese, VK si configura come uno degli strumenti principali da utilizzare per approcciarsi al mercato russo.

italian food russia

Pagina VK di Pomì Russia

Infine, è necessario individuare quali sono le piattaforme di e-commerce più usate dai russi. Tra i marketplace locali più visitati troviamo WildBerries, AliExpress Russia e Ozon. Quest’ultimo, in particolare, è l’unico, tra i suoi competitor, ad offrire la modalità di commercio cross-border. Ciò lo rende un ottimo strumento a sostegno del Made in Italy. 

>>LEGGI ANCHE: E-COMMERCE IN RUSSIA: GLI ULTIMI TREND DEL COMMERCIO ELETTRONICO NEL 2020

Raccontare il food italiano ai russi: un’opportunità da non perdere

Il rapporto dei russi con il cibo e i vini italiani va oltre il semplice apprezzamento. Si tratta di un amore che va trasformato in opportunità. In particolare, bisogna saper sfruttare i social e gli e-commerce locali per raccontare la storia dietro i prodotti. Sensibilizzare i russi a un consumo consapevole di prodotti 100% Made in Italy è una missione che oggi può essere condotta online. Le strategie di digital marketing per farsi conoscere nella Federazione vanno pensate su misura per le aziende del settore food. Solo così sarà possibile valorizzare l’origine e la qualità dei prodotti, oltre alla passione e alla dedizione delle persone che ci sono dietro.

>>LEGGI ANCHE: SEM SU YANDEX: FATTI CONOSCERE IN RUSSIA TRAMITE LE CAMPAGNE ADV


Vuoi scoprire tutte le novità del digital marketing in Russia nel 2020? Scarica questo report firmato East Media e non perdere l’occasione di scoprire come strutturare al meglio la tua digital strategy.

Vuoi saperne di più? Scarica il report! Scarica il report cliccando sull’immagine sotto!

Digital marketing Russia 2020

Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net

About Elisa Della Sala

Laureata in Translation Studies, ora frequenta un master in "Relazioni internazionali d'impresa: Italia-Russia". Ha vissuto per quattro anni a San Pietroburgo, che conosce meglio del suo paesello natio. Ama la letteratura, le neuroscienze, la fotografia e il cinema. Il suo life motto è: "l'avvenire è dei curiosi di professione".