Vuoi scoprire dove e come si muove il mercato del e-commerce in Russia? Questo articolo ti sarà di aiuto. La Russia è un mercato con una enorme potenzialità di sviluppo del commercio elettronico. Secondo Internet World Stat, la Russia occupa il 7 ° posto nella lista dei paesi con il più alto numero di utenti di internet a livello globale, con oltre 110 milioni di utenti internet. Di fatto uno dei mercati più importanti da considerare per l’e-commerce.

Anche se in termini assoluti il mercato del commercio elettronico russo rimane indietro rispetto a quello europeo, il trend è in costante crescita. Stando ai dati di Morgan Stanley nel 2018 verrà confermata la previsione di 17 miliardi di euro, contro i 13,6 del 2017. Ma, soprattutto, per i prossimi 5 anni dovrebbe crescere di 2,5 volte e superare i 46 miliardi di euro entro il 2023.

Un fermento confermato anche dall’ingresso di big player tra i marketplace. Sberbank, la principale banca russa, insieme a Yandex, il motore di ricerca più popolare in Russia, ha aperto Beru.ru, una sorta di Amazon russo. Ma non solo… Alibaba, il colosso del commercio elettronico cinese ha dato vita insieme al russo Mail Group alla joint venture AliExpress.ru. Per i consumatori russi crescono i portali dove possono finalizzare i loro acquisti online.

 

Cosa si vende online? La TOP 10 dell’ e-commerce in Russia

Spostando l’attenzione sui 10 top players del commercio elettronico in Russia, questi possono essere divisi in tre macro-gruppi:

– elettronica ed elettrodomestici – DNS, Technopoint, MVideo, Eldorado, Svyanoy

– abbigliamento, scarpe e accessori – Wildberries, Lamoda e Bonprix;

– negozi universali sul modello Amazon – Citilink, Ozon e Ulmart.

 

e-commerce in Russia

Il settore numero uno per vendite online in Russia è quello del fashion con abbigliamento e calzature (33%) seguito dal settore degli elettrodomestici ed elettronica (29%). Interessante notare, però, che la maggior parte degli acquisti effettuati da mobile sono prodotti per bambini (57%) seguiti da cura della persona (55%). Elettrodomestici ed elettronica di consumo si posiziona “solo” al terzo posto con il (49%).

 

I fattori principali che spingono l’utente russo all’acquisto

Secondo la ricerca di Admitad prima di effettuare l’ordine, gli utenti russi (50%) confrontano i prezzi su diverse piattaforme russe e siti stranieri. L’acquirente tipo non è infatti portato a fare acquisti impulsivi, preferendo trovare un’offerta migliore o aspettare fino al periodo degli sconti. Un’altra caratteristica del mercato russo che bisogna tenere in considerazione è l’alta popolarità del commercio transfrontaliero.

Nel 2017 il fatturato dell’e-commerce in Russia cross-border ha raggiunto 400 miliardi di rubli (più di 5 miliardi di euro), il 25% in più rispetto all’anno precedente e il suo trend è in continua crescita. In termini economici, il 52% del commercio transfrontaliero proviene dalla Cina, mentre dall’UE e degli Stati Uniti provengono rispettivamente il 23% e il 12% degli acquisti online. Pur considerando le spese di spedizione, molti prodotti dall’estero sono comunque più economici. Fattore che ha permesso di prendere piede nel mercato russo a diversi attori internazionali e marketplace come ASOS, iHerb, Next e Yoox esportano attivamente in Russia.

Secondo l’analisi di SimilarWeb, sul sito americano iHerb gli utenti russi generano più traffico (25%) degli stessi utenti americani. Sulla piattaforma italiana Yoox occupano la seconda posizione dopo gli italiani (17%). Mentre sull’inglese Farfetch sono al secondo posto (11%) dopo gli americani. Le ragioni di questo successo è dato dai prezzi concorrenziali e una vasta gamma di prodotti dedicati al mercato russo.

 

ozon e-commerce in russia

Tra i servizi che contraddistinguono Ozon, uno dei marketplace russi più popolari, ci sono tempi di consegna brevi.

L’importanza della descrizione e dei dettagli dell’ e-commerce in Russia

Prima di procedere all’acquisto di un prodotto, gli utenti russi tendono a valutarlo attentamente, molto spesso in un negozio fisico. Per questo motivo è fondamentale che la piattaforma elettronica fornisca agli utenti il maggior numero di informazioni dettagliate e la possibilità di confrontare i prodotti con altri dello stesso genere.

Oltretutto, gli utenti russi per sentirsi più sicuri nell’acquisto, preferiscono comperare su marketplace nella propria lingua e non in inglese (ancora poco diffuso, specialmente tra la popolazione più adulta). Inutile sottolineare quanto sia fondamentale quindi una traduzione corretta e professionale di un sito web o marketplace in Russia.

Infine, non bisogna dimenticare che gli utenti russi preferiscono essere supportati durante la loro fase di acquisto online. Fondamentali sono quindi tutti quei servizi di customer care che permettono sul lungo periodo anche di fidelizzare il cliente. Non sarà un caso che piattaforme come Ostrovok e Ozon hanno un accurato servizio di call center. Mentre Wildberries, per citare un altro esempio, ha lanciato un portafoglio elettronico. Può essere creato velocemente da ogni utente che si registra alla piattaforma e-commerce e permette di pagare gli ordini e ottenere velocemente i rimborsi in caso di reso del prodotto.

> Digital Marketing in Russia: 5 accorgimenti per avere successo

La presenza sui social è un valore aggiunto

Quando si parla di digital e marketplace non si possono tralasciare i social media. Anche in Russia la diffusione e utilizzo dei social network è in costante crescita. La loro importanza emerge anche da un sondaggio eseguito dal portale Belretail:

  • 87% degli utenti dichiara che i social network aiutano nella scelta dell’acquisto
  • 25% degli utenti cercano recensioni sui social network quando decidono di acquistare abbigliamento
  • 90% degli utenti segue e cerca novità dei Brand sui social network

Per un’azienda che vende i propri prodotti sugli e-commerce in Russia i social network sono quindi uno strumento molto importante. Attraverso questi possono informare, acquisire nuovi potenziali clienti e soprattutto fidelizzarli. Le grandi differenze linguistiche, culturali e – non ultimo – l’assetto politico determina un comportamento degli utenti differente da quello degli utenti occidentali. Tanto che a cambiare sono anche le piattaforme.

In Russia il social network più utilizzato è VKontakte (conosciuto anche come VK). Conta oltre 97 milioni di utenti attivi mensilmente contro i “soli” 36 milioni di Facebook (utilizzato essenzialmente in città come Mosca e San Pietroburgo). Secondo i dati forniti da Data Insight emerge che più del 85% delle piattaforme e-commerce in Russia ha pure una community su VK.

 

e-commerce in Russia

La tabella evidenzia che la maggior parte delle piattaforme e-commerce in ogni categoria di prodotti sceglie di investire in una presenza sui social locali.

La crescita dell’uso dei dispositivi mobili per lo shopping online

Un altro trend molto importante da considerare e da non sottovalutare per gli e-commerce in Russia è il crescente utilizzo dei dispositivi mobile. Per quanto ancora oggi gli utenti russi finalizzino essenzialmente acquisti via desktop o laptop (circa il 63% delle vendite online), l’utilizzo degli smartphone per fare shopping online è destinato inesorabilmente a crescere.

Un sondaggio condotto Data Insight nel quale veniva chiesto come era stato eseguito l’ultimo acquisto online, rileva che gli utenti con meno di 25 anni hanno indicato gli smartphone come lo strumento preferito. Dalla stessa indagine emerge che, a prescindere dalla fascia di età degli utenti, gli smartphone vengono utilizzati durante il processo di acquisto dal 59% degli intervistati. Molto spesso il prodotto o servizio viene ricercato sul dispositivo mobile, ma poi l’acquisto viene finalizzato su un computer.

Le ragioni sono più di una. Essendo poco inclini agli acquisti compulsivi, spesso gli utenti portano a termine l’acquisto in un secondo momento, quando sono in una situazione tranquilla (come a casa o a lavoro davanti al computer). Inoltre, ancora oggi, non tutte le piattaforme sono ben ottimizzate per l’utilizzo su mobile, sconsigliandone quindi l’utilizzo nelle fasi finali del processo di shopping online.

 

ozon e-commerce in russia

Russia:un mercato da esplorare online

Con le vendite online in costante crescita e il sempre maggior utilizzo delle piattaforme social, un’azienda che vuole entrare nel mercato russo non può prescindere dal mondo digital. L’importante è utilizzare i giusti strumenti prestando attenzione a declinare la propria strategia al contesto locale. Questo significa posizionare i propri prodotti sui marketplace russi, ottimizzare il sito web anche per Yandex, il principale motore di ricerca, e tradurre i contenuti correttamente in russo. Veicolando infine un messaggio allineato alla cultura locale sulle piattaforme più popolari in Russia come VKontakte.

 


 

Vuoi scoprire tutte le novità del digital marketing in Russia nel 2020? Scarica questo report firmato East Media e non perdere l’occasione di scoprire come strutturare al meglio la tua digital strategy.

Vuoi saperne di più? Scarica il report cliccando sull’immagine sotto!

 

Digital marketing Russia 2020

 

Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net