RUSSIA: social media

social media marketing

I social network più usati nella Federazione si estendono ben oltre a quelli a cui l’utente italiano è abituato. Infatti, a parte gli internazionali Facebook e Instagram, gli utenti russi utilizzano App locali, meno conosciute al di fuori dei confini russi.

Per esempio Vkontakte, altrimenti conosciuta come VK, e Odnoklassniki o OK, sono i social network russi più amati e apprezzati dagli utenti.

Tra i due, quello sicuramente più amato è VKontakte che viene utilizzato dal 72% della popolazione. Conta più di 97 milioni di utenti attivi mensilmente e 9 miliardi di post visualizzati ogni giorno.

Oltre ai social network locali, poi, ci sono diverse piattaforme internazionali particolarmente apprezzate dagli utenti russi. Tra queste troviamo Instagram, Facebook e Telegram.

vkontakte

VKontakte, anche conosciuto come VK, è il social network più utilizzato dagli utenti russi. Utilizzato dal 72% della popolazione, conta più di 70 milioni di utenti attivi mensilmente e 9 miliardi di post visualizzati ogni giorno.

VK consente agli utenti russi di svolgere numerose attività, come chattare, ascoltare musica e guardare video in streaming, postare contenuti, giocare con mini-app interne al social, seguire community e pagare con il sistema di pagamento interno alla piattaforma.

La audience di VKontakte raccoglie persone con un reddito medio-alto e con almeno 25 anni di età. Ciò lo rende il canale ideale per le aziende, dove aumentare la propria brand awareness, fidelizzare i clienti e guidare le vendite.

instagram

Accanto alle piattaforme locali, gli utenti russi utilizzano anche molti social network occidentali, come per esempio Instagram.

Instagram offre grandiose opportunità ai brand stranieri ed è senza dubbio il più importante social network internazionale in Russia. La sua popolarità cresce di giorno dopo giorno, affermandosi un must have nella strategia di Digital Marketing delle aziende che vogliono vendere in Russia.

Ma utilizzare Instagram in Russia implica alcuni accorgimenti. Uno di queste è la revisione delle didascalie dei post sui social, che devono essere più lunghe rispetto a quelle per il mercato italiano. Ai russi, infatti, piace molto leggere, tanto che recentemente è nato un nuovo trend digitale chiamato “long read". Il “long read" prevede che i post sui social debbano essere molto lunghi, fino ai 2’000 caratteri come nel caso di Instagram.

Inoltre, i post devono essere collegati agli altri social media del brand e devono essere scritti rigorosamente in lingua russa.

Negli ultimi anni Instagram è diventato uno dei mezzi principali per comunicare con i consumatori russi.

facebook

Oltre a Instagram, anche Facebook si afferma come uno dei social internazionali più utilizzati dagli utenti russi. 

Con 22.3 milioni di utenti attivi mensilmente sta diventando uno strumento strategico da utilizzare nella strategia comunicativa dei brand locali e internazionali. Soprattutto se si ha come target Mosca, considerando che la maggior parte dei suoi utenti risiede proprio lì. 

Ma a differenza dell’Italia, in Russia Facebook ricopre un ruolo più istituzionale: è il mezzo dedicato alla comunicazione professionale per eccellenza – prende, infatti, la funzione di LinkedIn, che in Russia è bloccato – , ma è usato anche dai brand comunicare con la audience e aumentare la propria brand awareness.

Facebook può rivelarsi un’ottima fonte di traffico aggiuntivo e un mezzo attraverso il quale ampliare la propria community e indirizzare ad essa specifiche campagne pubblicitarie. Si rivela, quindi, come una piattaforma strategica da integrare nella propria strategia di Digital Marketing.

telegram

Telegram sta acquisendo sempre maggiore importanza in Russia, in particolar modo nelle città principali, dove conta ogni giorno 3,4 milioni di visite. I migliori canali di notizie di Telegram hanno addirittura una portata giornaliera di 5 milioni di visualizzazioni. 
La diffusione di Telegram è duvuta alla sua reputazione affidabile. Il social è infatti noto come un luogo dove leggere notizie e conversazioni veritiere e credibili.
 
Seppure non offra la possibilità di fare adv, Telegram è un ottimo canale dove sviluppare la strategia comunicativa dei brand e quindi di creare una audience fidelizzata e interessata agli aggiornamenti dell’azienda.
Inoltre, i follower della pagina hanno la possibilità di discutere in tempo reali sugli aggiornamenti dell’azienda e quest’ultima, di contro, di leggere ciò che viene detto sul suo conto, sui suoi prodotti e servizi. Per finire, Telegram offre il servizio di “chatbot", una sorta di customer service automatizzato attraverso il quale gestire le relazioni con gli utenti.

news

Export in Russia: check list delle opportunità per il Made in Italy

Export in Russia: check list delle opportunità per il Made in Italy

Secondo dati del Sole 24 Ore, l’ export in Russia di prodotti italiani ha subito un calo del 4.5% nel 2018. L'interscambio con la Federazione, infatti, sconta ancora gli effetti…

5 errori comuni delle campagne digitali in Russia

5 errori comuni delle campagne digitali in Russia

Molto spesso, parlando con aziende che provano a fare campagne digitali in Russia, emergono dubbi e false convinzioni comuni. Tutti aspetti che, se non affrontati, possono ostacolare l’efficienza operativa dei…

Marcatura digitale in Russia: ecco come affrontarla

Marcatura digitale in Russia: ecco come affrontarla

Nel 2019 entrerà in vigore per varie categorie merceologiche la legge federale n. 487 sulla marcatura digitale obbligatoria.  Tabacco, profumi e acque profumate, pneumatici e copertoni, abbigliamento, calzature e machine…

pronto? si parte!

Fai la scelta giusta. Contattaci.

* CAMPI OBBLIGATORI