Social Network Russia: su quali social conviene fare marketing in Russia

Social Network Russia, quali sono i migliori canali per il social media marketing in Russia? Scopriamolo insieme in questo articolo

 

Social network Russia? Non tutti sanno come orientarsi nel social media marketing in questo Paese e per riuscirci è necessario comprendere alcune differenze. Facebook, Twitter, Instagram, e YouTube dominano il panorama social in molti paesi, ma in Russia (e in zone limitrofe come il Kazakistan e l’Ucraina) molti utenti preferiscono utilizzare piattaforme locali alle quali sono legati da tempo.

Queste differenze nell’utilizzo dei social sono molto importanti per i brand che intendono utilizzare le piattaforme social per l’advertising, perché possono imporre dei cambiamenti notevoli rispetto alle comuni strategie di marketing che già si applicano in altri paesi.

D’altra parte, con oltre 100 milioni di utenti digitali, la Russia deve essere considerata come una vera e propria macro-regione con le sue regole e trend anche per quanto riguarda i social network.

 

 

Social Network Russia. Le otto piattaforme social più utilizzate dagli utenti Russi:

 

VKontakte

VKontakte, noto anche più semplicemente come VK, è di gran lunga la piattaforma più popolare nel panorama dei social network Russia, e conta oltre 64 milioni di utilizzatori mensili. Si tratta di un interessante incrocio tra un social network e una piattaforma di file sharing. Proprio come su Facebook (alla quale molto somiglia per funzionalità e grafica), gli utenti possono creare un proprio profilo e cercare e aggiungere altri utenti con i quali condividere aggiornamenti, foto e video.

Oltre a queste funzioni tradizionali, la grande popolarità di VKontakte nasce anche dalla possibilità per gli utenti di effettuare l’upload di file video e audio di ogni genere e condividerli con i propri contatti. In passato, queste funzioni sono state oggetto di discussione, in quanto molti utenti le hanno utilizzate per aggirare alcune leggi sul diritto d’autore. 

Sicuramente il primo canale digitale sul quale investire, VKontakte punta molto sulle community e offre alle aziende due possibilità di visibilità: i gruppi e le pagine ufficiali. I gruppi possono essere utilizzati nel caso non si voglia apparire in veste ufficiale, ma “guidare” gli utenti verso determinati servizi/prodotti. Le pagine, invece, hanno caratteristiche molto simili a quelle di Facebook e permettono una targetizzazione molto accurata.

>>Leggi anche: Vkontakte: East Media partner privilegiato per il mercato italiano

 

Odnoklassniki

Sebbene VK sia il social più diffuso tra i giovani, gli utenti più avanti con l’età tendono a preferire Odnoklassniki, letteralmente “compagni di scuola” e oggi noto più semplicemente come OK. Questo social network può contare su circa 40 milioni di visitatori mensili, la maggioranza dei quali è composta da un pubblico femminile (69%). Caratteristica che lo rende particolarmente interessante per tutte quelle aziende che vogliono raggiungere questo determinato target di potenziali clienti. 

Proprio come VK, OK permette agli utenti di creare il proprio profilo, cercare i propri amici e condividere status e immagini. Lo scopo di OK consiste nel permettere agli utenti di rintracciare i propri compagni di scuola e i propri amici con i quali si sono persi i contatti nel corso degli anni, ed è per questo che i parametri di ricerca sono molto dettagliati.

Questa piattaforma offre anche una funzione che svela all’utente chi ha visitato il suo profilo (anche se il visitatore non è figura tra i propri contatti), per visitare i profili altrui senza lasciare traccia si può abilitare la “modalità invisibile” che però è a pagamento

 

Moi Mir

Si tratta di una piattaforma social molto simile a Google+. Proprio come il social network di Mountain View, Moi Mir (“Il mio mondo”) è un estensione dell’account del provider mail.ru (che è inoltre proprietario sia di OK che di VK) ed è riuscito a trovare la sua nicchia nel contesto social network Russia. 

Ogni mese, quasi 17 milioni di persone utilizzano Moi Mir per condividere immagini, musica e video, ma anche per giocare o fare nuove conoscenze. La strategia di ricerca di Moi Mir include numerose domande relative al dating, un aspetto che non è ancora preso in considerazione dalla maggior parte delle altre piattaforme social. 

 

Facebook

Sebbene Facebook sia il social network più diffuso in occidente, in Russia non è così tanto popolare. La sua diffusione sta aumentando nelle principali città come Mosca e San Pietroburgo, ma quanto a numeri di utenti è ancora molto lontano dalle piattaforme locali. Oggi conta su 11 milioni di utenti ogni mese. Solitamente viene utilizzato dalla fascia più giovane e da chi viaggia spesso e utilizza questa piattaforma per restare in contatto con utenti non russi. 

 

>>Leggi anche: La Russia blocca Facebook: più di una minaccia, un rischio concreto

 

Livejournal

Livejournal è una piattaforma per il blogging che esiste sin dal 1999, tuttavia la sua popolarità si è ridotta drasticamente nella maggior parte dei paesi del mondo. In Russia, invece, Livejournal riceve oltre 15 milioni di visitatori ogni mese. 

I blog personali sono sempre un ottimo strumento di condivisione delle proprie opinioni online e di avviare discussioni più interessanti rispetto ai messaggi brevi e concisi dei social media più recenti. Livejournal è dotato di una serie di servizi online che gli permettono di essere ancora attuale sia in Russia che altrove.

 

Twitter

Twitter è un altro social che ha riscontrato un buon successo in Russia. Sebbene non riceva la stessa quantità di visitatori degli altri social (si attesta intorno ai 7,7 milioni di visite mensili), può vantare un buon livello di coinvolgimento, anche maggiore di quello dei suoi principali concorrenti. Perciò, sebbene non rappresenti un must per ogni utente internet russo, chi possiede un account Twitter tende solitamente a farne un utilizzo molto intenso.

 

>>Leggi anche: Fare SEO per la Russia. Le principali differenze tra Yandex e Google

 

Rutube

Rutube è praticamente la risposta russa a YouTube – una piattaforma social incentrata sulla condivisione di video relativi di a contenuti di ogni sorta.

Sebbene non abbia la stessa portata di YouTube, Rutube ha raccolto un gran numero di contenuti provenienti da diversi utenti. Rutube presenta sia contenuti ufficiali che upload dei suoi utenti, e la maggior parte di essi sono russi. 

 

Instagram

Infine c’è Instagram, una piattaforma che sta diventando incredibilmente popolare in tutto il mondo, anche sul territorio russo.  Instagram cresce rapidamente tra i top social in Russia e può ormai vantare 28 milioni di utenti mensili, il 77% dei quali è composto da un pubblico femminile, molto giovane.

Non solo social network

 

Se si vuole promuovere la propria Azienda/Brand in Russia non basta essere presenti sui principali social network locali. Anche il proprio sito aziendale deve infatti essere ottimizzato per il motore di ricerca locale Yandex. Nonostante Google sia piuttosto diffuso, grazie all’utilizzo degli smartphone Android (l’86% del mercato mobile) quasi 6 utenti su 10 sono abituati a utilizzare Yandex per effettuare ricerche. 

 

>>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Russia?

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato!

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. LA RUSSIA E’ VICINA….–> info@east-media.net

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>