Back To News
  Douyin 抖音 o Tik Tok è un’APP di short video che ha fatto molto parlare di sé negli ultimi mesi, soprattutto in Cina. Molto simile al noto software Musical.ly, Douyin punta a diventare una delle applicazioni più utilizzate in Asia nel corso di quest’anno. Utilizzata per scrollare mini video divertenti, sta diventando sempre più un must have a cui gli utenti cinesi non riescono a rinunciare. Ma le aziende sapranno cogliere le potenzialità di Douyin? Nata nel settembre 2016, nel giro di appena un anno e mezzo, Douyin si trova al primo posto tra le APP più scaricate per iOS worldwide. Ad oggi conta 150 milioni di utenti attivi giornalmente. In Cina, sta scalando il ranking delle APP più utilizzate, con un’audience mensile di oltre 500 milioni di utenti. Si pensi inoltre che il 75% di essi sono Millennial, generazione nata tra il 1982 e il 2003 (15-36 anni), e provengono principalmente da città di prima e seconda fascia. Questo è un dato particolarmente importante se si considera che questa categoria di utenti è la nuova “spending force” della Cina. Essi hanno gusti precisi, sempre più basati sulle tendenze occidentali, e non esitano ad assecondare i propri desideri. Hanno in media un reddito annuo superiore ai 5 mila euro, ma si pensa che questa cifra crescerà fino a 13 mila nel giro di una decina d’anni. Questo ci dà una prima prova del fatto che Douyin potrebbe rivelarsi la carta vincente nella digital strategy di un’azienda interessata a questo target di consumatori.   Douyin

Il grafico mostra la fascia di età degli utenti di Douyin.

  >> LEGGI ANCHE: MARKETING IN CINA: COME CONQUISTARE I MILLENNIAL CINESI   

Caratteristiche di Douyin

Recentemente c’è stata un’inversione di rotta negli interessi degli utenti, che ha reso i short video la loro forma di intrattenimento preferita. In solo un anno il totale del tempo speso davanti a mini-video è cresciuto del 360%. Cosa ha fatto prevalere Douyin sui suoi principali competitor (Kuaishou, Miaopi e Haokan Shipin)? Il servizio che offre, perfettamente affine alle esigenze degli utenti. Questo social innovativo consente di pubblicare contenuti di massimo 15 secondi per poi condividerli con i propri contatti. Permette inoltre di aggiungere musica ed effetti speciali ai propri video per renderli più interessanti, creativi e soprattutto personalizzati. Spesso, proprio per questo motivo, riescono a diventare virali nel giro di poche ore sotto forma di meme o challenge. Ogni utente ha la possibilità di creare il proprio profilo, all’interno nel quale rimarranno salvati i video pubblicati. E come per gli altri social, questa piattaforma permette di creare la propria cerchia di contatti. Più Follower si hanno più sarà facile che i video vengano visualizzati, commentati o apprezzati attraverso i “like”. Ma la carta vincente di questa applicazione sta nel fatto che i contenuti possono essere visti e condivisi anche da persone con cui non si è scambiato il follow. Un singolo video, infatti, può facilmente arrivare a milioni di utenti. Inoltre, la particolarità di questa applicazione è quella di consentire una riproduzione automatica dei video, senza la necessità di cliccare il tasto play. In questo modo, i video scorrono incessantemente e l’utente rimane rapito davanti allo schermo senza rendersi conto del passare del tempo.   >> LEGGI ANCHE: WECHAT ADVERTISING: GLI ADS WECHAT MOMENTS E WECHAT OFFICIAL ACCOUNT   

Categorie di video più amate

Douyin raccoglie video di ogni genere, ma quelli più apprezzati appartengono alle seguenti categorie:
  • Video musicali: i contenuti in assoluto più amati su Douyin sono i video musicali. Giovani che cantano in playback famose canzoni cinesi davanti alla fotocamera;
  • Balli: generalmente lanciati sotto forma di challenge, questi tipi di video piacciono molto e invogliano gli utenti ad accettare le sfide copiandole e ricondividendole;
  • Animali domestici: i cuccioli sono particolarmente amati dai cinesi e così anche i video che li riprendono. Questo trend è una testimonianza del boom del mercato degli animali domestici in Cina, che sta crescendo del 20% ogni anno;
  • Abilità: contenuti che nascono per mostrare le proprie capacità, come intagliare un dragone in un’anguria a dipingere con i piedi;
  • Muckbang: categoria che ormai sta spopolando anche in occidente su Youtube. Questo genere di video, nel quale le persone mangiano davanti all’obiettivo della telecamera, attira l’attenzione di migliaia di utenti;
  • Bellezza: video di cosmesi e di beauty care sono molto gettonati su Douyin, con esperti in materia che spiegano tutti i trucchi per apparire sempre al meglio.
 

Douyin come leva di marketing

I mini-video stanno gradualmente spingendo fuori dal mercato gli altri tipi di comunicazione. Consentono un messaggio diretto e ad impatto, mostrando la creatività del brand e coinvolgendo gli utenti. Per questo motivo il nuovo social network è il mezzo perfetto per raggiungere potenziali consumatori.   Esistono due modi che consentono alle aziende di accrescere la brand awareness su Douyin: advertising o collaborazioni con KOL (Key Opinion Leader o Influencer), come da foto in anteprima nella quale vediamo Huang Xiaoming, Guan Xiaotong, Zhou Dongyu e Angelababy. Per quanto guarda la prima alternativa è possibile attivare una campagna di “splash ads”, che consiste in un banner a tutto schermo visualizzato dagli utenti prima che si apra l’applicazione. Altrimenti è possibile investire in advertising che compaiono nella user’s newsfeed dopo la visualizzazione di tre video consecutivi. Collaborare con KOL, invece, è senza dubbio una scelta più dispendiosa della prima, ma è anche quella più redditizia. Gli influencer conoscono i gusti e le esigenze dei propri seguaci e sanno comunicare come comunicarvi in modo efficace. Questi potrebbero per esempio pubblicare un video nel quale presentano il prodotto, oppure lanciare una video challenge mirata su di esso.   Douyin social china challenge   >> LEGGI ANCHE: WEIBO: UNA PIATTAFORMA FONDAMENTALE PER LE STRATEGIE DIGITAL IN CINA   Douyin è senza dubbio l’APP dell’anno. Con le sue particolarità sta spopolando in tutto il mondo e si sta affermando come uno dei nuovi social più amati. Le imprese non devono farsi scappare questa grande opportunità che permetterebbe loro di arrivare ad un bacino di utenti senza pari, di aumentare la brand awareness e di trovare nuovi consumatori. Fondamentale, però, è il modo di approcciarsi a questo strumento: il contenuto dei video deve essere il più interattivo possibile e deve caratterizzare l’azienda stessa, distinguendola da tutte le altre. Affiancare Douyin alle classiche piattaforme utilizzate per la digital strategy sul mercato cinese, come Wechat o Weibo, potrebbe portare alle aziende italiane risultati inaspettati!  

Cina: un sistema a parte

In mercati come la Cina, lontani sia dal punto di vista geografico che culturale, è importante attuare una strategia localizzata che tenga conto di aspetti imprescindibili come usi, costumi e lingua. Approcciarsi a paesi complessi come quello del Dragone richiede un’attenta valutazione e analisi a 360°, la sola che permette di ottenere risultati concreti e duraturi. Queste e altre tematiche legate alla comunicazione e al marketing in Cina sono trattate nel Rapporto Annuale della Fondazione Italia Cina: “La Cina nel 2019, Scenari e Prospettive per le Imprese”. Clicca sull’immagine per scaricare l’estratto dedicato al Digital Marketing. [caption id="attachment_13359" align="aligncenter" width="325"]Digital Marketing 2019 Cina Digital Marketing 2019 Cina[/caption]

Visita il nostro sito e iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Per scoprire quale sia la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business contattaci: info@east-media.net  
Kiton, affermato marchio di moda Made in Italy, si è rivolto al gruppo Triboo e alla divisione East Media per lo sviluppo di una serie di progetti digital a livello internazionale. Dopo un primo periodo di accordi, la collaborazioni è ufficialmente iniziata.  

Kiton e la collezione KNT

Kiton è stata fondata nel 1968 ad Arzano, in provincia di Napoli, da Ciro Paone e Antonio Carola. Il brand è specializzato nella creazione di completi da uomo su misura e di cravatte di alta sartoria. Presente in oltre 70 paesi, conta un totale di 5 stabilimenti produttivi e più di 800 dipendenti. La nuova collezione A/I 2018-2019 di Kiton include per la prima volta una linea urbanwear, denominata KNT. Questa è stata creata dai gemelli Mariano e Walter De Matteis, terza generazione della famiglia Kiton. Proprio da qui nasce l’esigenza di studiare un piano di comunicazione mirato per promuovere la nuova linea.  

> Leggi anche: Moschino si affida a Triboo East Media per il debutto su Tmall

 

Una strategia digital globale

La collaborazione tra il fashion brand e il gruppo Triboo prevede la gestione e l’implementazione di una strategia social relativa alla collezione appena lanciata, su mercati europei e asiatici, in particolare in Cina. Triboo si occuperà dell’apertura del canale Instagram e della pubblicazione di contenuti mirati. A ciò si affiancherà un programma di social advertising per rafforzare la brand awareness e l’engagement dell’azienda. Parallelamente Triboo si è fatta carico della realizzazione di una galleria fotografica dei prodotti KNT e di video realizzati in collaborazione con il fotografo e regista Francesco Carrozzini. Triboo East Media, la divisione del gruppo specializzata in marketing digitale sui mercati asiatici, si farà carico dell’apertura e della gestione del canale Weibo , uno dei più popolari social network cinesi. Weibo permetterà una comunicazione one-to-many, finalizzata a costruire la riconoscibilità del brand, ancora estraneo al mercato cinese, e una consolidata presenza locale. Per Weibo, in particolare, Il team cross-cultural della divisione East Media si occuperà di postare contenuti originali, conformi ai gusti e alle esigenze degli utenti cinesi. Allo stesso tempo questi saranno in linea alla strategia utilizzata sui mercati occidentali. Triboo East Media, inoltre, si occuperà anche della realizzazione della pagina web Kiton.cn, con hosting locale, che garantirà performance superiori al sito.  

> Leggi anche: Come fare marketing con WeChat in modo strategico 

 

Cina: un sistema a parte

In mercati come la Cina, lontani sia dal punto di vista geografico che culturale, è importante attuare una strategia localizzata che tenga conto di aspetti imprescindibili come usi, costumi e lingua. Approcciarsi a paesi complessi come quello del Dragone richiede un’attenta valutazione e analisi a 360°, la sola che permette di ottenere risultati concreti e duraturi.   Queste e altre tematiche legate alla comunicazione e al marketing in Cina sono trattate nel Rapporto Annuale della Fondazione Italia Cina: “La Cina nel 2019, Scenari e Prospettive per le Imprese”. Clicca sull’immagine per scaricare l’estratto dedicato al Digital Marketing. [caption id="attachment_13359" align="aligncenter" width="325"]Digital Marketing 2019 Cina Digital Marketing 2019 Cina[/caption]  

>Vuoi saperne di più su come entrare e vendere in Cina?

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Per informazioni scrivici e ti contatteremo in brevissimo tempo. LA CINA E’ VICINA… –>  info@east-media.net