Tmoney: viaggiare smart in Corea Del Sud

La Corea del Sud è uno dei paesi dove l’innovazione tecnologica è più all’avanguardia in molti campi, anche nel campo dei dispostivi smart. L’applicazione di tali dispositivi è sia per utilizzo privato (social media, ricerca di informazioni dispositivi multimediali) che in business (pubblicità, customer service). In realtà l’utilizzo di tecnologie smart offre una delle possibilità di ottimizzare moltissimi aspetti della vita quotidiana, come per esempio i trasporti pubblici, un esempio di grande successo ci viene offerto da Tmoney:

tmoney

La Corea del Sud è uno dei paesi dove l’innovazione tecnologica è più all’avanguardia in molti campi, anche nel campo dei dispostivi smart. L’applicazione di tali dispositivi è sia per utilizzo privato (social media, ricerca di informazioni dispositivi multimediali) che in business (pubblicità, customer service). In realtà l’utilizzo di tecnologie smart offre una delle possibilità di ottimizzare moltissimi aspetti della vita quotidiana, come per esempio i trasporti pubblici, un esempio di grande successo ci viene offerto da Tmoney:

tmoney

Fino ad un decennio fa, i passeggeri che utilizzavano i mezzi di trasporto pubblici dovevano pagare il biglietto in una varietà di modi: in contanti, acquistando gettoni a forma di monete o con biglietti cartacei per autobus o per la metropolitana. In Corea sembrano secoli fa.

Dal 2004, la “carta dei trasporti” già permette ai passeggeri di utilizzare qualsiasi mezzo di trasporto, uno dei tanti autobus o una delle linee metropolitane. A partire da giugno di quest’anno 2014, sono stati eliminati anche i limiti a livello di città, permettendo alle persone di beneficiare della comodità di viaggiare utilizzando una sola carta di trasporto in quasi tutto il paese.

La scheda Tmoney, fabbricata dalla Korea Smart Card Corporation (KSCC), ha ora realizzato il suo servizio Tmoney Mobile che consente ai passeggeri di utilizzare i loro smartphone dotati di un chip. Inoltre, l’adozione di servizi per “utilizzare prima e pagare dopo“, che permettono di servirsi delle proprie carte di credito, ha alleviato ulteriormente i disagi alla popolazione. Attualmente, a Seul e nelle zone adiacenti della sola regione del Gyeonggi-do, il numero totale di utenti Tmoney è di oltre 15 milioni, e la carta Tmoney viene utilizzata in media per oltre 43 milioni di transazioni al giorno.

Uno dei più grandi vantaggi della scheda è che i passeggeri possono pagare il loro biglietto in solo uno o due secondi, toccando con la loro carta i lettori. Non ci sono code in Corea, la tecnologia serve a velocizzare tutto.

Alla base del sistema vi sono le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, comprese le reti di Internet ad alta velocità e le comunicazioni wireless, oltre a software ad alta tecnologia. A differenza delle carte di credito che hanno una banda magnetica, Tmoney si basa su frequenze radio in grado di leggere il segnale di una carta fino a cinque centimetri di distanza. Può anche elaborare i dati due volte più velocemente di altri sistemi.

In riconoscimento dei suoi servizi e della velocità di esecuzione, un certo numero di nazioni in tutto il mondo hanno mostrato interesse per questo sistema di gestione dei biglietti per i trasporti. Partendo da un sistema di carte dei trasporti e delle relative infrastrutture, l’ambito di interesse si è ampliato fino a includere le politiche di trasporto e le capacità di gestione.

Sistema adottato anche fuori dalla Corea

Il primo paese oltre la Corea ad adottare il sistema coreano della carta Tmoney è stata la Nuova Zelanda che iniziò nel 2008 a Wellington, la capitale, e a Auckland, la città più grande. Ora in Nuova Zelanda ci sono più di 1.100 autobus e circa 200 negozi che utilizzano il sistema.

Diversi anni fa, le due città di Kuala Lumpur in Malesia e Bangkok in Tailandia erano entrambe coinvolte in consultazioni sul sistema globale di gestione dei biglietti dei mezzi pubblici. Entrambe le capitali hanno chiesto ulteriori consigli sull’uso generalizzato della carta. La capitale Ulan Bator della Mongolia ha cominciato ad adottare un sistema di raccolta automatica del pagamento dei biglietti dei mezzi di trasporto (Automatic Fare Collection – AFC), un sistema gestione degli autobus (Bus Management System – BMS) e terminali di informazioni sugli autobus (Bus Information Terminals – BIT), sistemi che verranno lanciati all’inizio del prossimo anno 2015.

È in corso il lancio di un sistema di raccolta automatica delle tariffe a Bogotà, in Colombia. Seul ora sta fornendo a Bogotà consultazioni per il suo sistema di trasporti.

Un rappresentante della Corea Smart Card Corporation ha detto che le prospettive per le esportazioni sono molto favorevoli, dal momento che un certo numero di nazioni del Centro e Sud America e del Medio Oriente hanno richiesto consultazioni.

Certamente questo rivoluzionario sistema integrato di gestione delle tariffe dei trasporti pubblici potrebbe fare molto comodo ad un paese che si appresta ad ospitare l’EXPO, ma nella lista dei paesi intenti ad applicare questa tecnologia l’Italia non è ad oggi presente.

Per altre informazioni sulla Corea del Sud vi consigliamo di approfondire QUI

Emanuele Vitali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>